Torna BorderWine, il Salone transfrontaliero del Vino Naturale Presentata la seconda edizione con 50 cantine da Italia, Austria Slovenja
Torna BorderWine, il Salone transfrontaliero del Vino Naturale Presentata la seconda edizione con 50 cantine da Italia, Austria Slovenja


Torna BorderWine, il Salone transfrontaliero del Vino Naturale Presentata la seconda edizione con 50 cantine da Italia, Austria Slovenja

Assessore Shaurli: la frontiera della sostenibilità ambientale deve essere affrontata in modo consapevole, partendo anche dal vino il CIVIDALE DEL FRIULI - 3 e 4 giugno 2017

Circa 50 cantine partecipanti, il doppio rispetto alla prima edizione, porteranno in degustazione i propri vini naturali, nati dal minor numero di lavorazioni e interventi sia in vigna sia in cantina.

Torna BorderWine, il Salone transfrontaliero del Vino Naturale, l’unico evento del Friuli Venezia Giulia dedicato al vino coltivato e prodotto secondo rigidi parametri che coinvolge le cantine  produttrici dei 3 paesi confinanti: Italia, Austria e Slovenja.

La seconda edizione di BorderWine, che si terrà al Castello di Canussio a Cividale sabato 3 e domenica 4 giugno, è stata presentata oggi in anteprima a Vinitaly all’interno dello stand del Friuli Venezia Giulia da Fabrizio Mansutti, Luca Bernardis e Valentina Nadin, fondatori di BorderWine con la presenza dell’assessore regionale Cristiano Shaurli.

Per partecipare, infatti, ci sono precisi parametri da rispettare secondo il regolamento BorderWine: la scelta dei terreni, il rispetto della loro biodiversità, l’esclusione di alcun utilizzo di pesticidi, additivi o di manipolazione chimica o fisica.

Il futuro dell’enologia e dell’agricoltura in genere, infatti, devono tener sempre di più conto sia del rispetto delle risorse ambientali, sia delle crescenti allergie e patologie legate alla “chimica” dei vini.

“Siamo soddisfatti di sostenere questa iniziativa a livello regionale – ha commentato l’assessore Cristiano Shaurli - siamo convinti che la frontiera della sostenibilità ambientale debba essere affrontata in modo consapevole, partendo proprio dal vino. Mi auguro che l’attenzione delle istituzioni europee e soprattutto quella dei cittadini sia sempre più focalizzata verso produzioni rispettose dell’ambiente. In più, la scelta della location, il castello di Canussio a Cividale, porta con sé le caratteristiche della nostra regione: una terra produttrice di vini che è luogo di incontro di tre grandi culture storiche: latina, germanica e slava. BorderWine dà visibilità anche a quei piccoli produttori che faticano a presentarsi al grande pubblico e che trovano in questo evento un’ottima occasione per farsi conoscere.”

Durante le due giornate saranno organizzati incontri e conferenze con i produttori, con gli enologi e con i sommelier per approfondire o iniziare a conoscere le caratteristiche dei vini naturali. 

Tra le più attese quella del sommelier di Granada Pablo Martinez Ruiz che ha un’autentica passione personale e professionale per i vini naturali. Ora residente a Berlino, la sua missione è far scoprire la bellezza imperfetta, senza trucco, dei vini naturali: a BorderWine organizzerà una degustazione speciale di 6 vini.

Ma anche il cibo vuole la sua parte: durante BorderWine si potranno degustare i piatti di Rosenbar di Gorizia, Sale e Pepe di Stregna, MAMM Ciclofocacceria di Udine e altri prodotti agroalimentari grazie alla presenza di diversi produttori agroalimentari del territorio come Formaggi Zof, Fonda da Pirano, Agri Siamon, Rugo Formaggi e alcuni birrifici artigianali.

BorderWine organizza inoltre una cena evento per celebrare l’offerta enogastronomica transfrontaliera:

DOMENICA 4 GIUGNO“Cena a quattro mani” con Emanuele Scarello e Tomaz Kavcic.

Il gran finale di BorderWine (la location sarà svelata più avanti) vede due grandi amici cucinare insieme per una cena indimenticabile: Scarello dal ristorante 2 stelle Michelin “Agli Amici” di Godia (UD) e Tomaz Kavcic, chef del ristorante Pri Lojzetu di Vipava (Slovenja).

 

ORARI del Salone BorderWine

Sabato 3 giugno

ore 12 inaugurazione ufficiale con le autorità e la stampa

dalle 13.30 alle 20 apertura al pubblico

Domenica 4 giugno

Apertura al pubblico dalle 11 alle 20

 

INGRESSO:

L’ingresso a BorderWine costa 20 euro e include il calice e la degustazione completa di tutte le cantine. I soci Slow Food e quelli dell’Associazione Italiana Sommelier hanno diritto ad un sconto sul prezzo d’ingresso.

SPONSOR E PARTNER

L’evento è organizzato con il patrocinio di Ersa FVG e del Comune di Cividale del Friuli e con il supporto dei main sponsor Bluenergy, Prontoauto e Banca di Cividale e con il contribuito di Goccia di Carnia, Luce srl, Lavanderia Adriatica, G.S.E. srl.

© RIPRODUZIONE RISERVATA




COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO


Non sono stati scritti ancora commenti su Torna BorderWine, il Salone transfrontaliero del Vino Naturale Presentata la seconda edizione con 50 cantine da Italia, Austria Slovenja. Scrivi tu il primo commento su Torna BorderWine, il Salone transfrontaliero del Vino Naturale Presentata la seconda edizione con 50 cantine da Italia, Austria Slovenja





Condividi:
Torna BorderWine, il Salone transfrontaliero del Vino Naturale Presentata la seconda edizione con 50 cantine da Italia, Austria Slovenja

Redattore: