News

"VINCI UN ANNO DI PROSECCO" VAL D'OCA

VAL D'OCA Srl non manca di stupire. Grande successo per il concorso a premi di Val d'Oca denominato "Vinci un anno di Prosecco" a cui hanno partecipato migliaia di utenti.

"VINCI UN ANNO DI PROSECCO" VAL D'OCA

Vini e cibi

GOLOSARIA VENETO

Ecco i produttori e le cantine che lo racconteranno a Villa Giusti di Bassano del Grappa i prossimi 4 e 5 giugno

GOLOSARIA VENETO

Segui Vinievino su:

Cantine

Società Agricola La Callaltella S.s.

Società Agricola La Callaltella S.s.

via Callaltella, 13 31048
San Biagio di Callalta (Treviso)

AziendaLa nostra azienda nasce nel 1951, come azienda agricola Fratelli Bonetto, e sorge nel cuore della campagna trevigiana.Il nome La...

Enoteche

Vinifera

Vinifera

Via Savonarola 159 35137
Padova (Padova)

Vinifera è una bottiglieria sita nel centro storico di Padova, in via Savonarola 159. Tratta la vendita di vini di pregio o ricercati e si...

Agronomi

Giuseppe Zatti

Giuseppe Zatti

Via Geloni 26/A 27045
Casteggio (Pavia)

Classe 1961, Maturità Scientifica, laurea in Scienze Agrarienel 1986 con specializzazione in viticoltura ed enologia,esame di Stato nel...

Enologi

Massimo Urriani

Massimo Urriani

Via G. Vannicola, 16 63036
Spinetoli (Ascoli Piceno)

Nato nel 1970 si è diplomato Perito Agrario con specializzazione in viticoltura ed enologia all'Istituto Celso Ulpiani di Ascoli Piceno...

Sommelier

Patrizia Cambi

Patrizia Cambi

Celle Ligure 17015
Celle Ligure (Savona)

Sommelier Diploma FisarSommelier professionista diplomata FISAR.. Esperienza di servizio in eventi e degustazioni anche in abitazioni private....

Consorzi

Consorzio Cembrani Doc

Consorzio Cembrani Doc

Viale IV Novembre, 52 38034
Cembra (Trento)

“Il Consorzio Cembrani D.O.C. pone le proprie basi sul principio dell'unire le forze per uno sviluppo territoriale, culturale e commerciale della...

scegli il tuo vino

Il fenomeno Vegecoll®

Il fenomeno Vegecoll®

Prodotti enologici - Vendo

Nuove frontiere nel collaggio dei mosti e dei vini. Il nuovo chiarificante di origine vegetale

La corretta chiarifica dei mosti e lo scrupoloso collaggio dei vini restano passaggi essenziali nella produzione di vini...

Prezzo Trattativa riservata/da concordare

CELSTAB®, l'efficacia

CELSTAB®, l'efficacia

Prodotti enologici - Vendo

Laffort, forte della sua esperienza e della sua più che decennale attività di ricerca sulle metodiche colloidali applicate alla stabilizzazione tartarica dei vini,  ha selezionato e messo a punto una CMC purificata...

Prezzo Trattativa riservata/da concordare

Mannostab® l'originale

Mannostab® l'originale

Prodotti enologici - Vendo

Mannoproteina specifica da pareti di lievito, per la stabilizzazione dei sali di bitartrato di potassio nel vino.

Partendo dall'osservazione empirica che i vini bianchi, conservati sulle fecce totali per diversi mesi,...

Prezzo Trattativa riservata/da concordare

Tappi di sughero Tappi di sughero

Divinos Genius

Divinos Genius

Divinos il tappo fai da te Il tappo in sughero affidabile, ecologico e...

Divinos Frizzante

Divinos Frizzante

Divinos il tappo fai da te Il tappo in sughero affidabile, ecologico e...

Olio Italiano Olio Italiano

L'Italia dell'Olio ha mille facce: da nord a sud, da est a ovest, variano le colture, i metodi, le tradizioni, gli usi alimentari le condizioni pedologiche e climatiche in modo notevole. L'Olio Italiano impiega tecnologie...

Olio Prima Spremitura a freddo

Olio Prima Spremitura a freddo

Ottenuto dalla molitura a freddo di olive varietà Casaliva, Frantoio, Leccino e Grignano....

Olio extravergine di oliva "GALARDI"

Olio extravergine di oliva "GALARDI"

Tipologia: Olio Extravergine di Oliva Biologico Area di produzione: Toscana - Colline...

Vino Bianco italiano Vino Bianco italiano

La produzione di vini bianchi in Italia è davvero florida: dal Veneto alla Sardegna, dal nord al sud, le coordinate per orientarsi nel mondo del vino bianco italiano sono offerte da Vini e vino: produzioni, tipologie, regioni.

Vino Canus Pinot Grigio Doc Colli Orientali Del Friuli

Vino Canus Pinot Grigio Doc Colli Orientali Del Friuli

Caratteristiche organolettiche Vista: colore giallo paglierino con riflessi dorati. Olfatto:...

Vino Pinot Nero

Vino Pinot Nero

Pinot nero vinificato in bianco, leggermente frizzante. Colore giallo carico con riflessi...

Vino Spumante italiano Vino Spumante italiano

La tradizione spumantistica italiana non ha eguali al mondo per qualità e varietà di vini e lavorazioni. Vini e vino vi permette di conoscere al meglio la produzione di spumanti in Italia, guidandovi tra etichette, zone di...

Vino Prosecco Spumante Extra Dry

Vino Prosecco Spumante Extra Dry

Sistema di allevamento: Sylvoz. Densit viti (piante per ettaro): 2500 - 3000. Periodo...

Vino Valdobbiadene Superiore di Cartizze DOCG

Vino Valdobbiadene Superiore di Cartizze DOCG

Descrizione: Il partimonio aromatico unico e inconfondibile ed esalta in complessit e finezza...

Vino Naturale italiano Vino Naturale italiano

Una filosofia produttiva si sta consolidando tra i produttori: produrre in modo naturale lavorando nel rispetto della terra, del territorio e dei cicli della natura. Fuori dalla logica delle certificazioni i produttori di...

Vino Veneto IGT Bianco dei Muni

Vino Veneto IGT Bianco dei Muni

Colore giallo paglierino con evidenti note dorate esaltate da una sottile velatura legata alla...

Vino Recioto di Gambellara

Vino Recioto di Gambellara

Il Recioto di Gambellara un vino dolce ottenuto con l'uva Garganega in appassimento. Le uve...

Vino Rosato italiano Vino Rosato italiano

Il vino rosato acquista sempre maggiore interesse per la grande quantità e qualità della produzione italiana. In quest'area del sito c'è un'attenta selezione di rosati italiani, facilmente consultabili per regione e tipologie.

Vino Mosto Parzialmente Fermentato "Mariposa"

Vino Mosto Parzialmente Fermentato "Mariposa"

Caratteristiche Organolettiche Colore: petalo di rosa, limpido e luminoso Profumo: ampio ed...

Vino Monferrato D.O.C. Chiaretto

Vino Monferrato D.O.C. Chiaretto

VINIFICAZIONE: Raccolta manuale delle uve in cassette di plastica forate da Kg. 20 con accurata...

Riscaldatori Riscaldatori

Riscaldatori per il vino a immersione completa

Riscaldatori per il vino a immersione completa

I riscaldatori per vino a immersione completa dell’Elmiti sono composti da un tubo D. 10 mm in...

Vino da Dessert italiano Vino da Dessert italiano

La produzione di vini da dessert avviene in tutta Italia, con tipologie, tecniche di produzione e vitigni diversi che rendono unico ogni prodotto. Questa sezione del sito offre un elenco dei vini dolci più rinomati d'Italia,...

Vino Le Moscatelle

Vino Le Moscatelle

Zona viticola: Vigneti siti nel Comune di Sommacampagna (Verona) sulle ultime propaggini delle...

Vino Passito "Raggio di sole"

Vino Passito "Raggio di sole"

Colore: giallo dorato Profumo: intenso, fruttato di uva sultanina Sapore: morbido di corpo,...

Prodotti della filiera Prodotti della filiera

Cavatappi Doppia Leva Toledo

Cavatappi Doppia Leva Toledo

Il cavatappi Pulltap's a doppia leva ha rivoluzionato il modo di stappare il vino. Permette di...

Cavatappi Doppia Leva con Swaroski

Cavatappi Doppia Leva con Swaroski

Il cavatappi Pulltap's a doppia leva ha rivoluzionato il modo di stappare il vino. Permette di...

Vino Rosso italiano Vino Rosso italiano

Il mondo dei vini rossi italiani è estremamente ricco e variegato. Vini e vino vi offre una pronta guida al vino rosso, facilmente consultabile per regione e tipologia.

BRUNELLO DI MONTALCINO D.O.C.G. RISERVA 2010

BRUNELLO DI MONTALCINO D.O.C.G. RISERVA 2010

Uvaggio: Sangiovese Grosso detto a Montalcino “Brunello” con accurata selezione Vinificazione:...

Rosso di Toscana IGT "Prunideo"

Rosso di Toscana IGT "Prunideo"

Allevamento: Cordone speronato. Vendemmia: A mano con una attenta selezione delle...

Grappa Italiana Grappa Italiana

La Grappa è un famoso distillato tipico italiano. Molte sono le tipologie di Grappe grazie alle vinacce utilizzate in distillazione, all'alambicco impiegato e per scelta del Distillatore. Vinievino ha fatto una attenta...

Grappa Gewürztraminer

Grappa Gewürztraminer

Organolettica Aspetto limpido e cristallino con profumo composito, lungo, che ricorda...

 Grappa Traminer 0,5

Grappa Traminer 0,5

Denominazione: Trentino Grappa Vinacce dolci da uve Traminer provenienti da vigneti della zona...

Cavatappi Cavatappi

Cavatappi Doppia Leva Toledo

Cavatappi Doppia Leva Toledo

Il cavatappi Pulltap's a doppia leva ha rivoluzionato il modo di stappare il vino. Permette di...

Cavatappi Doppia Leva con Swaroski

Cavatappi Doppia Leva con Swaroski

Il cavatappi Pulltap's a doppia leva ha rivoluzionato il modo di stappare il vino. Permette di...

Store Vino per Te Store Vino per Te

Vini e vino ha scelto per te i migliori vini di cantine meno conosciute ma con una qualità eccellente. Dai territori italiani una selezione accurata come nelle migliori enoteche, il punto di acquisto certificato da chi di...

geowine

Guide

Vini d'Italia 2012

Vini d'Italia 2012

Vini d’Italia del Gambero Rosso è giunta alla venticinquesima edizione e si conferma una enciclopedia del vino italiano in continua...

Annunci di Lavoro

Ricerca Agenti plurimandatari

Vendite Italia - Offro Lavoro

Per ampliamento rete commerciale sul territorio nazionale Azienda leader nel panorama di internet per progetto importante su scala internazionale nel settore eno-gastronomico Ricerca Agenti plurimandatari - Candidati...

Aggreko ricerca partners commerciali

Vendite Italia - Offro Lavoro

Aggreko, leader mondiale nel noleggio di gruppi frigoriferi ed energia elettrica ha sviluppato sistemi ad hoc per il controllo della fermentazione in cantina. Aggreko ricerca partners commerciali inseriti nel mercato del...

Sostenibilità ambientale

Castello di Meleto EcoFriendly 2016

Castello di Meleto EcoFriendly 2016

Istituito dalla Guida ViniBuoni d’Italia, edita da Touring Club Italiano, e promosso in collaborazione con Verallia, azienda leader nella produzione di bottiglie ecosostenibili, il premio Premio EcoFriendly è il riconoscimento alle aziende e istituzioni che nell’ambito delle attività di competenza hanno dimostrato una forte attenzione all’ambiente e una marcata sensibilità alle tematiche della sostenibilità, del risparmio energetico e della produzione a basso impatto aziendale. Una sostenibilità ambientale che spesso si trasforma in una sfida impegnativa ma nella quale Castello di Meleto ha saputo imporsi e risultare così l'EcoFriendly 2016. A Gaiole in Chianti, nel cuore del Chianti Classico, del resto, si lavora nel rispetto della natura per per la tutela del territorio da fin dagli anni ’80 . Il tutto in nome della ricerca di uno stile che rispecchiasse tradizione, carattere e qualità. Castello di Meleto ha espiantato le viti qualitativamente meno pregiate e reimpiantato in aree maggiormente vocate, con particolare attenzione ai vitigni autoctoni quali la malvasia, il canaiolo e il colorino, tradizionalmente utilizzati assieme al sangiovese per ottenere il Chianti Classico. Questo lavoro ha portato oggi a produrre Camboi, un vino IGT composto al 100% da malvasia nera del Chianti. L’attenzione ambientale Castello di Meleto ha avviato un progetto di agricoltura integrata che consiste, in particolare, nel: effettuare i trattamenti solo in caso di emergenza fitopatologica, monitorare i principali fitofagi della vite per combatterli senza però intaccare insetti utili ed indispensabili alla vita del vigneto. Zonazione e parcellizzazione, accompagnate alla bassa resa di produzione per ettaro, assicurano costanza e consistenza qualitativa dei vini. L’azienda è, inoltre, in attesa di ricevere il Certificato di Agriqualità, come garanzia ulteriore per il consumatore sulla qualità dei prodotti e la salvaguardia dell’ambiente. Il risparmio energetico Sul fronte dei consumi di energia, Castello di Meleto si è dotato dal 2008-2009 di un impianto fotovoltaico autonomo di circa 500 mq. posto sui tetti della cantina. L’impianto è in grado di soddisfare l’intero fabbisogno della cantina e di tutti gli uffici aziendali, oltre a consentire un risparmio di emissioni di CO2 di circa 38 tonnellate ed una produzione di “energia pulita” pari a 72.000 kWh/anno. Per coprire completamente il fabbisogno energetico con fonti rinnovabili, l’azienda si doterà di una pompa di calore alimentata dall’impianto fotovoltaico, capace di produrre acqua a 45° C sufficiente per tutte le operazioni di cantina e per il riscaldamento dei locali adibiti ad uffici.Infine, l’introduzione del tappo a vite per un’intera linea di vini (Rosato, Borgaio e Vementino) permette di garantire ottime prestazioni a livello di sostenibilità e riciclabilità.  

VINO, INDAGINE TENDENZE (NOMISMA)

VINO, INDAGINE TENDENZE (NOMISMA)

PER I CONSUMATORI IL FUTURO E' DEGLI AUTOCTONI E DEI 'GREEN'

Vino e cibo

A PISTOIA LA

A PISTOIA LA "CENA DELLA LEGALITÀ" DI FILIPPO COGLIANDRO

È la CNA di Pistoia, su iniziativa della Presidente D.ssa Elena Calabria, che ha invitato il 23 maggio lo chef calabro Filippo Cogliandro per un evento sul tema della legalità, per un appuntamento che si pone come obiettivo quello di ricordare le tante vittime innocenti della violenza criminale e mafiosa, e che vuole ribadire la volontà di uno straordinario impegno civile da parte del mondo  del lavoro e delle istituzioni, al fianco di quanti si spendono quotidianamente contro ogni forma di criminalità e per l’affermazione della cultura della legalità e della giustizia sociale. “La CNA di Pistoia – commenta la presidente Elena Calabria – ha fin da subito sposato questa iniziativa. La mission della nostra associazione è quella di rappresentare e sostenere le tante imprese oneste che ogni giorno cercano di lavorare con impegno e qualità e proprio nel giorno in cui si ricorda la strage di Capaci vogliamo lanciare un messaggio di solidarietà nei confronti di tutti coloro che, rischiando di persona, si battono per contrastare le mafie e per permettere al nostro paese di crescere e svilupparsi economicamente e culturalmente”. Per la Cena della Legalità di Filippo, CNA ha scelto come location i locali della Dynamo Camp della montagna Pistoiese, emblematica struttura  che è un camp di Terapia Ricreativa, primo in Italia, appositamente strutturato per ospitare gratuitamente per periodi di vacanza e svago bambini e ragazzi gravemente malati, in terapia o nel periodo di post ospedalizzazione.…dove la vera cura è ridere e la medicina è l’allegria! Filippo Cogliandro, eletto Ambasciatore della Ristorazione Antiracket nel mondo, che opera nella difficile realtà calabrese, e, fedele alla sua convinzione che “il silenzio uccide”, racconterà la sua esperienza di imprenditore che si è ribellato alla logica del “pizzo” con La Cena della Legalità, il suo progetto nato a Firenze nel 2012 per raccontare  con un Tour nelle diverse città italiane e all’estero il suo lavoro di chef abbinato alla cucina del territorio ospite,  la cucina che serve da pretesto e da tema per celebrare uno scambio di emozioni e di conoscenze, una rete sociale per raccontare  alla gente la sua storia, un modo di incontrarsi per scrivere insieme la nuova pagina di una storia comune. Alla serata parteciperanno anche i ragazzi dell’Istituto Alberghiero Martini che affiancheranno Filippo in cucina nella preparazione della cena e che effettueranno servizio di sala e di accoglienza degli ospiti. Un ringraziamento a tutti coloro che hanno reso possibile l’organizzazione e la realizzazione di questa cena: BCC Banca di Vignole e Montagna Pistoiese e Unicoop Montagna Pistoiese. L’iniziativa si svolge con il patrocinio dei Comuni di Piteglio e di San Marcello Pistoiese. CNA di Pistoia  www.cnapistoia.it Location: Dynamo Camp www.dynamocamp.org -  Via Ximenes, 662, 51028 Limestre, San Marcello Pistoiese PT Istituto Professionale F. Martini Castello La Querceta - 51016 - Montecatini Terme(PT) istitutomartini@alberghieromontecatini.gov.it Filippo Cogliandro : www.laccademia.it Press: Cristina Vannuzzi Landini  

Vino e cultura

La Malvasia a Venezia

La Malvasia a Venezia

Spetterà a “ Malvasie a Venezia”, evento organizzato dalla delegazione veneziana di AIS Veneto, che si svolgerà venerdì 20 maggio con la collaborazione dell’Accademia Italiana della Vite e del Vino e dell’Associazione Malvasie del Mediterraneo, raccontare la storia di un vigneto legato indissolubilmente alla cultura enologica dei popoli mediterranei. Dalle 9.30 alle 19.00, presso il Palazzo della Regione di Venezia, l’ Hotel Principe ed il Brolo dei Carmelitani Scalzi, saranno davvero tanti i momenti in cui riscoprire questa antica varietà viticola. L’evento si aprirà al Palazzo della Regione alle 9.30 con la tavola rotonda “Le chiamano Malvasie: che cosa sono e come sono percepite dal consumatore” che vedrà come relatori illustri docenti delle più importanti università italiane. Alle 15.00 l’evento proseguirà con la degustazione guidata a cura di Vito D’Amanti, docente AIS, e il prof. Vincenzo Gerbi dell’Università di Torino, che presenteranno “Le Malvasie del Mediterraneo”, confronto diretto fra 8 differenti tipologie di questo storico vitigno. All’ Hotel Principe, dalle 12 alle 19, gli ospiti ed il pubblico potranno invece dilettarsi tra i banchi d’assaggio, supportati dai sommelier veneti, alla scoperta di oltre 50 interpretazioni di Malvasia del Mare Nostrum. Ultimo, affascinante appuntamento della giornata sarà la  visita al Brolo dei Carmelitani Scalzi – Santa Maria di Nazareth. La visita guidata porterà i partecipanti alla scoperta  del giardino mistico e alle vigne dell’antico brolo dell’ordine monastico riportato all’antico splendore grazie al lavoro del Consorzio Vini Venezia. Due gli orari disponibili: alle 17 e alle 18 (max 25 persone, iscrizione online obbligatoria). Per un’intera giornata Venezia tornerà dunque ad essere la capitale del vino del Mediterraneo, sulla rotta tracciata dalla Serenissima Repubblica. Fu grazie all’opera dei veneziani se, a partire dal XV secolo, la Malvasia divenne il vino più importante d’Europa. Questa varietà veniva  importata direttamente dalla città greca di Monemvasia, da cui prese il nome, ed ebbe un tale successo che alcune osterie della città lagunare cominciarono a vendere esclusivamente Malvasia, tanto da venir identificate con il termine stesso. Ancor oggi a Venezia calli e ponti ricordano questo vitigno e con il termine “Malvasie” si indicano i locali in cui si servono principalmente vini sfusi. L’accesso all’evento avverrà previa iscrizione al portale AIS Veneto http://we.aisveneto.it/gncultura

Denominazioni

Premio Qualità Italia 2016: concorso enologico nazionale

Premio Qualità Italia 2016: concorso enologico nazionale

Scalda il motore la seconda edizione del Concorso Enologico Nazionale “Premio Qualità Italia 2016” organizzato dalla Scuola di Alta Formazione e Perfezionamento Leonardo di Città Sant’Angelo, in Abruzzo, con la supervisione del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Si tratta di una chiamata a raccolta delle cantine del Nord, del Centro, del Sud Italia, delle Isole e di tutte quelle aziende enologiche che vogliono mettersi in gioco con i loro prodotti: c’è tempo fino al 3 giugno per iscriversi al Concorso che, va ricordato , è il primo a livello nazionale a essere promosso da una scuola. Ovviamente con l'iscrizione si devono far pervenire uno o più campioni di vino presso la sede della Leonardo, quindi dal 15 giugno scatterà la fase delle degustazioni e infine il 9 luglio sarà la volta delle premiazioni.   La manifestazione vuole: mettere in evidenza la migliore produzione italiana per le categorie dei vini ammessi al concorso; valorizzare le tipicità italiane e regionali; presentare al pubblico le tipologie dei vini caratteristici di ogni regione; premiare lo sforzo delle aziende produttrici e contribuire alla divulgazione del made in Italy nel mondo. «Il concorso - sottolinea Mauro Pallini, direttore della Scuola e ideatore del Premio Qualità Abruzzo - sta diventando per il settore enologico un irrinunciabile appuntamento nazionale. Siamo convinti che per i produttori partecipanti è un momento utile per tenere alta l’attenzione sul made in Italy». Come nella passata edizione, sono 6 le categorie di vini, anche biologici, in gara: IGT (Rossi, Bianchi e Rosati), DOC (Rossi annate 2015, 2014, 2013, 2012, 2011 e precedenti, Bianchi annate 2015, 2014 e precedenti, Rosati), DOCG (Rossi e Bianchi e Rosati); Vini Frizzanti (Rossi DOC e IGT, Bianchi DOC e IGT, Rosati DOC e IGT); Vini spumanti (Rossi VSQ, DOC VSQ e IGT VSQ, Bianchi VSQ, DOC VSQ e IGT VSQ, Rosati VSQ, DOC VSQ e IGT VSQ); Vini passiti (DOC, IGT). Il costo dell’iscrizione è di 60 euro più Iva per ciascun campione consegnato. I vincitori saranno oggetto durante l’anno di particolari azioni promozionali organizzate della Scuola Leonardo.   Per informazioni su regolamento, scheda d’iscrizione, categorie di vino a concorso, verbale di prelievo, consultare il sito www.premioqualitaitalia.it, mail concorso@premioqualitaitalia.it tel. 085.21963  

Turismo del Vino

Vivere il Vino, 84°Fiera Regionale dei vini di Buttrio

Vivere il Vino, 84°Fiera Regionale dei vini di Buttrio

Per l'edizione 2016, che si terrà il 10, 11 e il 12 giugno all'interno della villa e del parco archeo-botanico Di Toppo - Florio, sono oltre 200 le cantine del Friuli Venezia Giulia che tenteranno la selezione proposta dalla manifestazione. La scelta sarà curata dai coordinatori di Vinibuoni d'Italia che indicheranno quali fra esse potranno essere degustate nell'enoteca allestita dalla kermesse. La Fiera dei vini di Buttrio, tra i più antichi eventi italiani dedicati ai prodotti enoici autoctoni, fa della qualità il suo fiore all'occhiello, proponendo, anno dopo anno, solo vini che hanno raggiunto la perfezione a livello di vista, olfatto e gusto per sorprendere così i visitatori con prodotti d'eccellenza. La manifestazione darà spazio anche a chi si avvicina per la prima volta al mondo del buon bere, con degustazioni guidate da sommelier. Non mancheranno i momenti di divertimento per grandi e piccini con una tre giorni di concerti, eventi, concorsi che troveranno uno dei propri punti focali nella Notte bianca. Buttrio, insomma, per tre giorni si vuole trasformare nella capitale dei vini autoctoni friulani e d'Italia sorprendendo turisti, curiosi ed esperti del settore. E per non perdere nemmeno uno dei grandi vini proposti, si possono , al costo di 20 Euro, il braccialetto giornaliero con il quale accedere liberamente alle due sale di mescita e assaggiare tutti i prodotti presenti. Non mancheranno poi gli appuntamenti con le degustazioni guidate dei vini, momenti di approfondimento, conoscenza e avvicinamento a questo ricco universo di sapori. I laboratori saranno affidati alla cura di esperti del settore: sommelier, enologi o enotecnici, appartenenti al team di Vinibuoni d’Italia, dell’ONAV, della FIS o dell’Assoenologi, i quali condurranno i partecipanti lungo un percorso capace di avvicinare in modo più consapevole al vino attraverso la stimolazione dei diversi sensi. Le degustazioni saranno limitate ad un massimo di 30 partecipanti per turno, per cui il consiglio è di prenotare quanto prima per assicurarsi la partecipazione. Ci sarà inoltre spazio per comparazioni tra etichette diverse, degustazioni mascherate e abbinamenti con piatti tipici della nostra regione. Per aderire a questi percorsi è indispensabile la prenotazione, contattando la Pro Loco di Buri allo 0432 673511.

Docg Wine Experience 2016: La passione per il vino che unisce l'Italia

Docg Wine Experience 2016: La passione per il vino che unisce l'Italia

Domenica nell'abbazia di Praglia 74 etichette in degustazione

Vino al Femminile

Serata con Angéline Templier-Lassalle

Serata con Angéline Templier-Lassalle

Lo champagne declinato al femminile che sarebbe piaciuto a nonno Jules Lassalle

Nipote del fondatore Jules Lassalle, antesignano dei vigneron dello champagne nell'introdurre la fermentazione malolattica per innovare l'antico metodo produttivo, Angéline Templier-Lassalle, dopo essersi lasciata alle spalle gli studi nella  capitale parigina e una carriera professionale di successo ben diversa da donna del vino, tornò nel suo borgo di Chigny-les Roses una quindicina d'anni fa,  per entrare di diritto fra les Dames Lassalle. Olga, nonna e moglie di Jules e Chantal, sua mamma e forse, la sua figlioletta , Grazia, che potrebbe diventare la quarta dame di questa maison che ha abituato tutti i suoi estimatori a delle bollicine declinate tutte al femminile ma con la decisione e il piglio che ha poco a che spartire con il sesso debole. Tutti infatti sono classificati Brut e lo fanno sentire nella loro marcata mineralità, ammorbidita, tuttavia, da una complessa struttura che in ogni caso non diventa leziosa dolcezza. Ci sono poi i Grand cru o Premier cru e anche questi sono pensati con quella robusta ma elgante e femminile corposità che li rende ottimi compagni per ogni piatto di cibo. Come quelli che il Club Parliano di Vino ha pensato di far preparare alla brigata dell'Antica Trattoria Ballotta per un menù ideato apposta, dopo la degustazione di champagne J.Lassalle. Una serata magnetica per i palati raffinati che non solo potranno gustare le fragranze delle bollicine J.Lassalle ma avranno anche il piacere di conoscere personalmente Angéline Templier-Lassalle. Donna tra le più rappresentative del mondo delle bollicine d'oltralpe. Nel dettaglio la degustazione di lunedì 23 maggio inizia a partire dalle ore 18.30, presso l'Antica Trattoria Ballotta, in via Carromatto 2 a Torreglia, mentre alle 20.30 comincerà la cena con “risotto al tartufo nero e champagne” ; faraona di corte disossata; coniglio in porchetta con pieselli di Baone; caponata di verdure e,patate al forno; sfogiatina di fragole e crema chantilly. Ovviamente con l'abbinamento al bicchiere di champagne J.Lassalle Il costo della serata, cena + degustazione, è di € 45. Per chi vorrà intervenire solo alla cena, il costo è di € 40 mentre per coloro che partecipano solo alla degustazione (18.30-20), il costo è di € 10. Prenotazione obbligatoria chiamando il numero 3490961181 (F.Peggiato).

Vino e professioni

ALL'ISTITUTO CERLETTI DI CONEGLIANO IL CONVEGNO CELEBRATIVO PER I 140 ANNI DALLA SUA ISTITUZIONE

ALL'ISTITUTO CERLETTI DI CONEGLIANO IL CONVEGNO CELEBRATIVO PER I 140 ANNI DALLA SUA ISTITUZIONE

LA SPUMANTIZZAZIONE ALLA FINE DELL'OTTOCENTO ED IL CONTRIBUTO EUROPEO ALLA RICERCA DI SETTORE

Conegliano - Città Europea del vino per il 2016 - si prepara a vivere la grande festa per il 140° anniversario dalla nascita  della prima Scuola Enologica d'Italia, in programma dal 10 al 15 Maggio con un ricco calendario di eventi ad esso dedicati. In particolare, grande attesa ruota intorno al Convegno celebrativo di Venerdì 13 Maggio su “La Spumantizzazione alla fine dell’800” a cui presenzieranno, insieme all'Istituto G.B. Cerletti ed alla Fondazione ITS, anche gli altri Istituti Europei quali l'Istituto Superiore di Agricoltura di Geisenheim in Germania - fondato nel 1872 -  e la Fondazione Edmund Mach di San Michele all'Adige, già Imperial Regia Scuola di Agraria nata nel 1874, allora sotto ancora la dominazione degli Austriaci. La presenza a siffatto evento degli Istituti di Geisenheim e di San Michele all'Adige non solo rappresenta un significativo esempio di interazione tra i "baluardi culturali" più importanti e storici della rete formativa europea in campo vitivinicolo, ma nel contempo vuole gettare le basi per una piattaforma di ricerca e collaborazione a livello internazionale nonché determinare altresì innovative prospettive nei percorsi formativi per le nuove Generazioni. Nel corso del Convegno, in particolare saranno illustrati i risultati della ricerca condotta dagli Allievi del Cerletti e della Fondazione ITS, che opera in collaborazione con l'Università di Padova - di cui è Presidente Rosanna Carpenè, da sempre legata all'attività della Scuola Enologica e della Fondazione. "L'approfondimento che gli Allievi hanno peraltro anticipato al Vinitaly - spiega Rosanna Carpenè - è incentrato sul Metodo Classico e sulla continua ricerca condotta per giungere alle tecniche di spumantizzazione correntemente applicate. Un interessante percorso di analisi storica oltre che scientifica, che è stato condiviso e condotto in sinergia con gli altri Istituti Europei. Come Presidente della Fondazione, avverto sempre attuale ed impellente la necessità di contribuire all'innovazione educativa del settore, esortando in primis gli Studenti ad intraprendere percorsi formativi altamente professionalizzanti e parimenti le medesime Imprese del Territorio ad investire nel "capitale umano" rappresentato dalle nuove Generazioni. In siffatta prospettiva, le Imprese potranno infatti contare su una forza lavoro già adeguatamente preparata ed altresì gli Studenti potranno accedere più rapidamente al mercato del lavoro". A fare gli onori di "Scuola", sarà la Preside dell'Istituto Cerletti e Direttore della Fondazione ITS Damiana Tervilli, che ha sottolineato l'importanza della celebrazione di un anniversario così significativo: "Se oggi siamo qui a festeggiare questa storica tappa, il primo ringraziamento va alla Famiglia Carpenè, il cui capostipite Antonio è stato con Giovanni Battista Cerletti  fondatore  nel 1876 della Scuola Enologica. Da allora, seguendo il  loro insegnamento, l'Istituto Cerletti si è affermato nel panorama formativo nazionale ed internazionale, distinguendosi per la qualità della formazione nonché per essere un interlocutore privilegiato nel rapporto tra Istituzioni Pubbliche ed Imprese. L'impegno della Presidente della Fondazione ITS  Rosanna, discendente di colui che 140 anni fa ha voluto che il Cerletti sorgesse qui a Conegliano, conferma che la ricetta per continuare a determinare prospettive occupazionali  non può prescindere da solide basi educative oltre che dall'economia agroalimentare rappresentata dal nostro Territorio." L'appuntamento con il Convegno Internazionale “La spumantizzazione alla fine dell’800” avrà luogo nell'Aula Magna della Scuola Enologica di Conegliano Venerdì 13 Maggio alle ore 9.30. All'incontro - moderato dalla giornalista Rai Camilla Nata - parteciperanno tra gli altri, oltre alla Preside Damiana Tervilli, gli Studenti dell'Istituto Cerletti e della Fondazione ITS, i Rappresentanti degli Istituti di Geisenheim e di San Michele all'Adige, il Sindaco di Conegliano Floriano Zambon, il Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale del Veneto dott.ssa Daniela Beltrame e la Famiglia Carpenè.  

METODO CLASSICO DI GAVI DOCG 2010 FRANCESCA POGGIO

METODO CLASSICO DI GAVI DOCG 2010 FRANCESCA POGGIO

Il lancio per l'azienda Il Poggio di Gavi

Vitigni autoctoni

 Lugana Mandolara è stato valutata ben 92 punti da Wine Enthusiast

Lugana Mandolara è stato valutata ben 92 punti da Wine Enthusiast

L'annata 2015, da pochi giorni disponibile sul mercato, si è già aggiudicata un punteggio che la porta ai vertici della denominazione Lugana. “Un'altra bella soddisfazione – spiega Fabio Zenato, titolare dell'azienda con il fratello Paolo – raccolta proprio con il nostro Lugana di pronta beva. Un vino molto verticale, diretto, che si apprezza per la sua elevata sapidità, una caratteristica legata alla giacitura dei vigneti che si trovano su terreni argillosi profondi. Molto accattivante in gioventù, diventerà ancora più interessante con l'affinamento in bottiglia dimostrando tutte le doti di longevità del Lugana”. Il Lugana Mandolara è stato protagonista anche all'ultimo Vinitaly, dove è stato abbinato al Coregone in Carpione, uno dei piatti della tradizione gardesana recuperati in una serie di degustazioni allo stand de Le Morette. “Abbiamo voluto valorizzare alcune vecchie ricette – prosegue Fabio Zenato – tramandate oralmente e che oggi si stanno perdendo. In gastronomia, come in viticoltura, crediamo nell'importanza di valorizzare le nostre origini”.