La Franciacorta per l'Abruzzo
La Franciacorta per l'Abruzzo


La Franciacorta per l'Abruzzo

Alla Triennale di Milano

Le bollicine si faranno battere da Sotheby's

Si terrà mercoledì 10 maggio, alle 18.30, alla Triennale di Milano, l'Asta di beneficenza a sostegno delle popolazioni terremotate in Abruzzo. L'evento vedrà protagonista la Franciacorta, con etichette particolari, preziose e raffinate, che ben simboleggiano l'eccellenza qualitativa del territorio vitivinicolo, ma anche il legame con la cultura e l’arte. Tra i Franciacorta  che verranno "battuti" da Sotheby's il 10 maggio, spicca il Franciacorta Riserva 1993 "VITA NOVA", un'edizione speciale prodotta da Villa Franciacorta, l'azienda di Monticelli Brusati, fondata da Alessandro Bianchi e  guidata dalla figlia  Roberta e dal marito Paolo Pizziol, che non mancherà di attirare l'attenzione dei presenti.

Le bollicine si faranno battere da Sotheby's

Vita Nova Franciacorta Docg millesimato 1993

Il progetto Vita Nova nasce dalla volontà di Villa di dedicare agli enoappassionati un prodotto raro e prezioso: le 750 Jeroboam vennero prodotte nel 1993 e presentate al mercato in occasione del capodanno di fine millennio, con l'obiettivo di offrire qualcosa di unico nel panorama dell'offerta vinicola di eccellenza. La bottiglia è impreziosita da una formella creata dal celebre scultore Marco Rossello, purtroppo mancato proprio nel 2000, al quale era stato chiesto di realizzare in esclusiva l'Albero della Vita. Le formelle numerate sono pezzi unici, prodotti con cera a perdere. Rossello è l’autore di altre opere di particolare valore, come l’Albero della Speranza, del 1991, esposto nella sede dell’Unione Europea a Bruxelles, il Volo di gabbiano, in marmo, all’esterno della Rinascente di Milano, il Volo di aquile, pure in marmo, realizzato sul sagrato della Chiesa di Padre Pio, a San Giovanni Rotondo, su commissione di Renzo Piano. Vita Nova riprende la famosa, omonima opera di Dante Alighieri e rappresenta inequivocabilmente lo stimolo del pensiero, della creatività della ricerca, scientifica e tecnologica: fra l’altro, per anni l’espressione Vita Nova è stata protagonista del premio, riconosciuto da Villa Franciacorta a quanti si sono distinti per “l’innovazione e la ricerca nelle arti e nei mestieri”. Fra i premiati da Villa, il regista Ermanno Olmi, “per avere saputo interpretare il mondo contadino” e il professor Alberto Bertelli, “per avere scoperto la molecola del resveratrolo nel vino e le sue proprietà benefiche sull’organismo umano”: una scoperta che ha cambiato decisamente la percezione salutistica dei vini rossi.

Vita Nova è un Franciacorta Docg millesimato 1993, nato dalla vinificazione di uve Chardonnay e, in minima parte, di Pinot Nero, coltivate in terreni marnosi terrazzati, retti da muri a secco, caratterizzati dalla presenza di fossili marini ricchi di elementi minerali. I grappoli migliori sono stati scelti, raccolti a mano e vinificati secondo le rigide regole del Franciacorta, al fine di ottenere il massimo per festeggiare l'arrivo del nuovo secolo. Non a caso, l'Albero della Vita riprodotto sulla bottiglia che verrà battuta all'asta da Sotheby's, simboleggia il desiderio e la volontà di ripresa, particolarmente sentita dalle popolazioni duramente colpite dal terremoto in Abruzzo, ai quali l'Asta è dedicata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA




COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO


Non sono stati scritti ancora commenti su La Franciacorta per l'Abruzzo . Scrivi tu il primo commento su La Franciacorta per l'Abruzzo





Condividi:
La Franciacorta per l'Abruzzo

Redattore:redazione st.