CITT
CITT


CITT

CITT

Wine, food e turismo queste sono vere e proprie risorse strategiche per l'Italia e vanno valorizzate al massimo a tutti i livelli, il governo...


A portare alla ribalta la questione il presidente di Città del Vino, Giampaolo Pioli: “Il turismo enogastronomico in Italia non gode della giusta attenzione da parte del Governo, che con la spending review pensa addirittura di eliminare il Ministero del Turismo, già accorpato con gli Affari Regionali e lo Sport in un dipartimento senza portafoglio, in un momento in cui serve più che mai una regia nazionale che promuova il sistema turistico Italia come brand”.

 


Turismo enogastronomico:  futuro motore dell'economia!

A rinforzare questa tesi i dati dell' Osservatorio sul Turismo del Vino in Italia n. 10” Città del Vino-Censis, oggi all’Upi-Unione Province d’Italia a Roma. 

Questo Osservatorio monitora su scala nazionale il fenomeno del turismo enogastronomico, è la più attenta rappresentazione dell’Italia enoturistica, studiata in relazione all'evolversi del tessuto sociale, degli stili di vita, del costume; al cambiamento delle abitudini dei turisti, all’evolversi delle loro necessità e capacità economiche.


Leggiamo questi dati dalle parole di Pioli: “Accanto all’agroalimentare che vale il 15% del Pil e può aiutare il Paese ad uscire dalla crisi, c’è un altro settore che merita più attenzione: il turismo, destinato nel 2012 a diventare motore dell’economia mondiale per l’Osservatorio sul turismo della Ue, e che in Italia (n. 27 dell’indice mondiale della competitività) rappresenta il 12% del Pil, conta più dell’automobile, con i flussi turistici dall’estero che valgono 30 miliardi di euro (ma 43 in Francia e 38 in Spagna, nostri principali concorrenti) e le spese degli stranieri a +6,3% nel 2011, e, all’interno del quale il turismo enogastronomico ha un giro d’affari che va dai 3 ai 5 miliardi di euro e muove dai 4 ai 6 milioni di turisti”.



Il turismo enogastronomico mette assieme i nostri assi nella manica i italiana.
 
Il Turismo food and wine può  generare una nuova economia e valorizzare pienamente l’agroalimentare italiano che già ha un patrimonio che muove ogni anno 245 miliardi di euro tra consumi, export e indotto (dati Cia - Confederazione Italiana Agricoltori) ed è l’unica voce a crescere nel 2012 nel Prodotto interno lordo italiano (a -1,3% nel primo trimestre 2012 sullo stesso periodo 2011 secondo l’Istat).

“Nonostante questo - aggiunge Pioli - il Governo pensa di eliminare il Ministero del Turismo, mentre l’Italia, da sempre tra le mete preferite, resta debolissima sul piano della capacità concorrenziale. Perché manchiamo di un’organizzazione, infrastrutture, servizi e promozione nuovi ed unitari, come nel caso del turismo enogastronomico, valorizzato più autonomamente per iniziativa privata che attraverso una comunicazione istituzionale nazionale, con leggi ferme al palo come quella, da rifinanziare, che riguarda le Strade del Vino, e le amministrazioni locali che faticano a sostenere iniziative a causa dei continui tagli alle loro risorse, a partire dagli investimenti per diffondere la cultura del cibo, vero valore aggiunto in termini di competitività”.



Città del Vino-Censis:

Un assaggio del Rapporto Annuale n. 10 “Osservatorio sul Turismo del Vino in Italia”


-Piemonte è la regione italiana che arriva sul mercato con il più alto numero di produttori di vino di qualità (20%)
-Toscana “risponde” con la più alta percentuale di produttori top (21,8%)
-Veneto è, invece, la regione leader per il numero di bottiglie di qualità presenti sul mercato, con una quota pari al 16,9%.
-Lombardia, con una quota di mercato pari al 13,5% sul totale nazionale.
-Provincia di Cuneo  terra a più alta vocazione enogastronomica d’Italia in quanto produzione di vini di qualità e alta ristorazione sono in un connubio perfetto.  Cuneo è leader anche per la presenza di produttori top,

-Trento ha il più alto numero di ettari vitati per la produzione di vini di qualità,

-Roma guida infine la classifica dei territori che offrono la migliore ristorazione.


Il risultato, sottolinea il presidente delle Città del Vino Giampaolo Pioli, è “un’Italia ricca di una rete estesa, capillare e diversificata di giacimenti enogastronomici, con prodotti dalla forte identità territoriale, raggiunta nel rispetto della tradizione ma con un occhio all’innovazione, se si pensa per esempio alla creatività della ristorazione, ma anche a percorsi alla scoperta di vini e prelibatezze del tutto originali. Un’Italia del wine & food a cui, però, manca ancora un’immagine unitaria, con un forte gap tra le destinazioni più famose e quelle minori, dove si rischia un’omologazione dell’offerta verso il basso”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA




COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO


Non sono stati scritti ancora commenti su CITT. Scrivi tu il primo commento su CITT





Condividi:
CITT

Redattore:Redazione Vinievino.com