Noviagri prova in campo - Consorzio Barbera d'Asti
Noviagri prova in campo - Consorzio Barbera d'Asti


Noviagri prova in campo - Consorzio Barbera d'Asti

Prime sperimentazioni in vigna del progetto sulla viticoltura sostenibile.

Prime sperimentazioni in vigna del progetto sulla viticoltura sostenibile: «Coniugare lavoro e ambiente»

Prove empiriche in vigna per il progetto Noviagri, voluto dal Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato e mirato alla realizzazione di un prototipo meccanico di atomizzatore da impiegare in vigna. Una macchina che servirà a limitare la dispersione di prodotto fitosanitario in fase di trattamento dei vigneti, con un sofisticato sistema tecnologico che incontra ottimizzazione del lavoro e basso impatto ambientale.

I lavori sono partiti e guardare i filari sorvolati da droni e tracciati da sviluppate tecnologie suggerisce l’impressione che il futuro della viticoltura sia davvero dietro l’angolo. Il Professor Paolo Gay del Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari dell’Università di Torino, istituzione centrale fra i partner di Noviagri, ha commentato i lavori in corso che sanciscono la piena operatività dell’intero progetto. I risultati dei rilievi effettuati saranno oggetto, nelle prossime settimane, di analisi comparative che possano fissare i termini preliminari delle operazioni. «Abbiamo cominciato a lavorare fra i filari, effettuando un passaggio in campo con posizionamento di segnali a terra che consentano il riconoscimento dall’alto grazie ai droni – dichiara Paolo Gay – Tali segnali vengono georeferenziati con una precisione inferiore al centimetro, così da localizzare la pianta in modo minuzioso».

Successivamente, con la collaborazione dei tecnici, si è proceduto a individuare le piante che presentano segni di malattia. I rilievi da terra effettuati con spettroradiometro e camere multispettrali, finalizzati a vedere l’impronta spettrale delle foglie individuate come malate, serviranno a comporre il quadro delle informazioni che, una volta analizzate, dovranno essere confrontate con quelle rilevate dai droni, per valutare le coincidenze.

L’obiettivo insomma, oltre alla mappatura del vigneto, è quello di assicurare la correlazione fra le misure a terra e le misure in cielo, in modo che un domani tutto possa essere gestito attraverso il sistema di rilievo aereo. Questo perché un volo, in una decina di minuti, può coprire un vigneto intero con una risoluzione dell’ordine di 1 cm, coniugando grande spazialità e grande risoluzione assieme, esponenzialmente più minuziosa di quella offerta dal satellite. «Finalmente partiamo con le operazioni in campo del progetto – commenta Filippo Mobrici, Presidente Consorzio Barbera d’Asti e Vini del MonferratoUn’attesa ripagata che ci permette di guardare con sempre maggiore concretezza alla viticoltura del futuro, che dovrà essere precisa, efficace e sostenibile».

Con oltre 66 milioni di bottiglie e più di 11 mila ettari vitati, pari a circa il 30% della superficie a Doc e Docg del Piemonte, il Consorzio tutela 13 denominazioni, 4 Docg (Barbera d’Asti, Nizza, Ruchè di Castagnole Monferrato e Terre Alfieri) e 9 Doc (Albugnano, Cortese dell’Alto Monferrato, Dolcetto d’Asti, Freisa d’Asti, Grignolino d’Asti, Loazzolo, Malvasia di Castelnuovo Don Bosco, Monferrato e Piemonte).

© RIPRODUZIONE RISERVATA




COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO


Non sono stati scritti ancora commenti su Noviagri prova in campo - Consorzio Barbera d'Asti. Scrivi tu il primo commento su Noviagri prova in campo - Consorzio Barbera d'Asti





Condividi:
Noviagri prova in campo - Consorzio Barbera d'Asti

Redattore: