VIAGGIO TRA LE DOP-IGP: IL FORMAGGIO MONTASIO DOP, UN SUCCESSO DALLE ORIGINI ANTICHE
VIAGGIO TRA LE DOP-IGP: IL FORMAGGIO MONTASIO DOP, UN SUCCESSO DALLE ORIGINI ANTICHE

VIAGGIO TRA LE DOP-IGP: IL FORMAGGIO MONTASIO DOP, UN SUCCESSO DALLE ORIGINI ANTICHE

Nel 2020 prodotte ben 925.000 forme (+10%). Il punto con il direttore del Consorzio di Tutela, Renato Romanzin. Il focus settimanale di Veneto Agricoltura incontra oggi un importante prodotto del panorama nazionale: il Montasio DOP, tra Friuli-Venezia Giulia e Veneto.

E' al Montasio DOP, formaggio dalle antiche origini che si produce fin dal 1700, che VenetoAgricolturaChannel, il canale multimediale dell'Agenzia regionale, dedica la puntata di questa settimana del suo fortunato "Viaggio tra le DOP e le IGP del Veneto". Una tappa, al dire il vero, che valica i confini regionali, considerato che la zona di produzione del Montasio DOP comprende l'intero territorio della regione Friuli-Venezia Giulia, oltre alle province di Belluno e Treviso e parte di quelle di Padova e Venezia.

"Un formaggio che sul mercato nazionale, ma anche estero, sta andando a gonfie vele – sottolinea Renato Romanzin, direttore del Consorzio di Tutela del Formaggio Montasio DOP intervistato da VenetoAgricolturaChannel - tanto che la produzione nel 2020, anno della pandemia, è cresciuta del +7% rispetto all'anno precedente, pari a ben 925.000 forme commercializzate (+10%), e il primo semestre del 2021 sta seguendo un andamento analogo.  

Il Montasio DOP è un formaggio a pasta dura e cotta, prodotto esclusivamente con latte vaccino fin dal 1700, quando i monaci dell'Abbazia di Moggio Udinese affinarono una ben definita tecnica di produzione; tecniche che si diffusero poi lungo tutte le valli delle Alpi Giulie e Carniche, per arrivare sino alla pianura friulana e veneta.

Il latte con cui si produce il Formaggio Montasio DOP proviene da munte consecutive e deve essere raccolto entro 48 ore dalla prima mungitura, per poi essere lavorato entro 30 ore dalla raccolta. La massa ottenuta dalla lavorazione viene poi posta nelle caratteristiche fascere che riproducono il marchio di origine e la data di produzione.

A seconda del periodo di stagionatura il sapore può variare da "delicato", quando il prodotto è giovane con una stagionatura minima di 60 giorni (il tipo Fresco), fino a più "deciso e aromatico" con il protrarsi della maturazione (i tipi Mezzano o Semistagionato, Stagionato e Stravecchio).

Il Formaggio Montasio DOP presenta una forma cilindrica a facce piane, crosta da liscia ed elastica a secca e più scura in relazione alla stagionatura; la pasta è di colore giallo paglierino, con leggera occhiatura e consistenza compatta che con il passare dei mesi diventa granulosa e friabile.

Il Montasio DOP è un ottimo formaggio da pasto che si presta anche come ingrediente per realizzare antipasti, per insaporire primi e secondi piatti, nonché per la preparazione di dessert. La tipologia Fresco si abbina con i vini secchi e aromatici, il Semistagionato con il Friulano o con un Merlot, lo Stagionato trova un ottimo abbinamento con il Raboso del Piave e con il Cabernet e il Refosco.

25/06/2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi:
VIAGGIO TRA LE DOP-IGP: IL FORMAGGIO MONTASIO DOP, UN SUCCESSO DALLE ORIGINI ANTICHE

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO


Non sono stati scritti ancora commenti su VIAGGIO TRA LE DOP-IGP: IL FORMAGGIO MONTASIO DOP, UN SUCCESSO DALLE ORIGINI ANTICHE. Scrivi tu il primo commento su VIAGGIO TRA LE DOP-IGP: IL FORMAGGIO MONTASIO DOP, UN SUCCESSO DALLE ORIGINI ANTICHE