Attrezzature enologiche agricole

RDS Srl

RDS Srl

Tailored winning IT solutions

Strada dei Mercati 16/E 43126
Parma (Parma)

RDS-SOFTWARE SRLNata a Modena nel 1993, RDS è leader italiano nella fornitura del software gestionale ERP Enterprise Resource Planning in...

Segui Vinievino su:

Storia del vino

IRI: L'INCOGNITA PREZZI NELLA DISTRIBUZIONE MODERNA

IRI: L'INCOGNITA PREZZI NELLA DISTRIBUZIONE MODERNA

IL NUOVO EQUILIBRIO, TRA VOLUMI E PREZZI, NEL MERCATO VINI DELLA DISTRIBUZIONE MODERNA.

La ricerca dell’IRI, presentata oggi a Vinitaly Special Edition, mostra una fase di doppio riequilibrio del mercato dei vini nella Distribuzione Moderna perché le vendite a volume nel 2021 si confrontano con la crescita abnorme del 2020, segnato dalla pandemia, mentre le vendite a valore stanno crescendo già da anni recuperando prezzi che erano troppo bassi nella DM. Nei primi 9 mesi del 2021 le vendite di vino e bollicine sono aumentate del 2% a volume e del 9,7% a valore: sono stati venduti 12 milioni di litri in più, rispetto allo stesso periodo del 2020, e incassati 200mila euro in più. E ’importante analizzare l’andamento del comparto vini più bollicine per formati: le bottiglie Doc da 0,75lt sono cresciute del 4,8% a volume (+10,8% a valore), quelle IGP del 3,6% (a valore +8,1%). In calo le vendite a volume dei brik (-5,6%), del bag in box (-2,4%), dei vini confezionati in plastica (-14,3%). Le bottiglie da 0,75lt di vino e bollicine della Marca del Distributore crescono del 3,0% (+6,0 a valore), ma calano nel dato globale del 2,9% (+0,9% a valore). Va sottolineato che le vendite delle bollicine (+27,1% a volume) trainano l’intero comparto dei vini nella Distribuzione Moderna, ma anch’esse si stanno assestando dopo il 2020, passando da un +45% a volume del primo trimestre 2021 al +28,7% del secondo e al +9,9% del terzo. Un discorso a parte va fatto per l’on line, un canale ancora piccolo nella Distribuzione Moderna (DM), con una quota di mercato a volume dello 0,9%, ma che cresce di più del 50% rispetto al 2020 e del triplo rispetto al 2019. Il 2021 sarà dunque un anno di consolidamento che mostrerà in che misura la DM saprà trarre vantaggio dalla grande affluenza dei consumatori nei suoi punti vendita nel 2020 e dall’entrata a scaffale di alcune cantine una volta dedicate al solo canale Horeca (ristoranti, bar e affini).   “La maggior crescita a valore rispetto al volume - ha detto Virgilio Romano, Business Insight Director IRI - dipende da vari fattori che si intrecciano, dando luogo al gap fra i due indicatori: nel lungo periodo assistiamo ad una continua evoluzione del consumatore che compra prodotti con prezzo medio più alto, nel breve periodo assistiamo al rimbalzo verso il 2020 che ha premiato i vini che lo scorso anno sono stati svantaggiati dalla emergenza pandemica. Aggiungiamo le variazioni nelle dinamiche promozionali, canali che crescono più di altri e possibili variazioni di prezzo al pubblico e abbiamo gli ingredienti che assieme spiegano la distanza tra crescita a valore e crescita a volume”.   La ricerca IRI è stata commentata, nel corso della tavola rotonda di Vinitaly Special Edition organizzata da Veronafiere, dai relatori della DM e delle associazioni delle cantine. Un intervento particolarmente atteso è stato quello del rappresentante della catena discount MD Spa, anche perché il canale dei Discount è arrivato a una quota nel mercato dei vini del 26% a volume e del 15,5% a valore. “MD ha potenziato il proprio scaffale vini inserendo etichette di pregio e un’ampia scelta di Docg, Doc, Igt, vini locali e biologici – ha detto Giuseppe Cantone, Direttore Commerciale MD SpA - L’assortimento è stato razionalizzato puntando su nuovi trend che prediligono vini versatili come la Ribolla gialla, prodotto di forte interesse, Prosecchi come Pas Dosè e Rosè ed Extra Dry difficili da trovare e per questo particolarmente fidelizzanti e Prosecchi di facile abbinamento come il Brut. Oltre a fidelizzare i clienti offrendo la certezza di acquistare un prodotto di qualità al miglior prezzo, l’obiettivo è attrarne di nuovi rendendo il vino una famiglia di richiamo e garantendo controlli attraverso analisi qualitative e organolettiche che lo rendano il più possibile costante durante l’anno”.   Anche Conad ha operato sull’assortimento, come riferito da Alessandra Corsi, Direttrice marketing prodotto e marca del distributore: “Conad cresce a valore quasi il doppio rispetto al mercato nell’anno corrente, non soltanto grazie all’espansione della rete che ci ha permesso di lavorare sui punti vendita di maggiori dimensioni con un’offerta più ampia e profonda, ma anche per il rinnovato assortimento focalizzato sulla premiumizzazione, che comprende anche tipologie di prodotto un tempo presenti esclusivamente nella ristorazione”.   “L’intensità promozionale delle categorie spumanti e vini tipici è rimasta pressoché invariata – ha osservato nel suo intervento Francesco Scarcelli, Responsabile Beverage Coop Italia - mentre è aumentato il prezzo medio del vino: avendo lavorato con listini in continuità col 2020, questo incremento non è dovuto quindi ad aumenti, ma a un cambio del mix assortimentale e di scelte fatte dal consumatore che predilige maggiormente prodotti e denominazioni di qualità superiore. Nel 2021 stiamo registrando in Coop un’ulteriore crescita a doppia cifra per il mondo spumanti (+18%), una relativa stabilità per il mondo del vino tipico (+2%) e una flessione dei vini da tavola (-9%)”.   “L'evoluzione e la specializzazione dello scaffale della DM, già in atto da tempo, è stata stimolata dalla situazione Covid e in pochi mesi si sono visti cambiamenti molto significativi – ha sottolineato Marcello Ancarani, rappresentante di Federvini (Direttore Vendita Italia del Gruppo Santa Margherita) - Si è implementato un dialogo indispensabile con il consumatore,  con attività promo non solo sul prezzo, ma con messaggi  su scaffale e web. Non va trascurato anche il ‘dialogo’ indiretto e sinergico con il canale Horeca”.    “Seppure la crescita sia rallentata in termini di volume, la ricerca dell’IRI mostra come il consumatore abbia continuato a premiare i profili più qualitativi – ha detto Enrico Gobino, rappresentante di Unione Italiana Vini (Direttore Marketing Gruppo Mondodelvino) - il principio di ‘meno quantità, più qualità’ sembra diventata una caratteristica che contraddistingue anche il canale DM. Un’ottima base di confronto tra produttori e catene distributive per qualificare l’offerta a favore del consumatore”.  

Su Sky Arte torna la seconda stagione di B.E.V.I. la serie TV sul mondo del vino

Su Sky Arte torna la seconda stagione di B.E.V.I. la serie TV sul mondo del vino

Varvaglione1921 è tra le 10 aziende italiane protagoniste della serie TV B.E.V.I. Su Sky Arte

FRESCOBALDI PRESENTA LA NONA VENDEMMIA DI GORGONA

FRESCOBALDI PRESENTA LA NONA VENDEMMIA DI GORGONA

"L’arcipelago toscano è un paradiso terrestre di cui Gorgona è la perla d’Afrodite più selvaggia e luminescente. Dietro la sua scontrosità apparente, l’indicibile seduzione di profumi e silenzi, ed una natura che commuove per la sua forza, per la sua pubertà eterna.... E intorno, acqua e sale, a riflettere i messaggi del cielo, a stringere i lacci alle vele." (A.Bocelli - 2014).

Enografia Italiana

Concours Mondial de Bruxelles 2015: 16 le gran medaglie ai vini italiani

Concours Mondial de Bruxelles 2015: 16 le gran medaglie ai vini italiani

Numeri da record per la edizione 22 del Concours Mondial de Bruxelles, svoltasi a Jesolo (Ve): oltre 8mila campioni (un migliaio in più rispetto alla precedente edizione italiana, in scena a Palermo nel 2010), più di 300 giurati e ben 160 persone che hanno collaborato alla riuscita della manifestazione sul territorio. 16 le gran medaglie ai vini italiani Concours Mondial de Bruxelles è sempre stato un importante appuntamento per il mondo del vino di qualità. Dal 2006 è diventato itinerante e ques'anno si è tenuto in Italia.  354 medaglie le medaglie ai vini italiani: 16 sono Gran medaglie d’oro, 104 medaglie d’oro e 234 medaglie d’argento. Il prossimo anno il Concorso  si sposta nel cuore della Bulgaria, a Plovdiv, per l’edizione del prossimo maggio 2016. Le Gran medaglie d'oro italiane VINO AZIENDA   Bursôn Tenuta Uccellina 2009 Ravenna Igt  Tenuta Uccellina   Carlo V Il Rosso dell'Imperatore 2013 Veneto Igt  Colli Vicentini   Cavitira Casa Vinicola Triacca Poderuccio 2011 Vino Nobile di Montepulciano Docg  Cavitria Casa Vinicola Triacca   Duca di Montalbo 2002 Sicilia Igt  Azienda Agricola G. Milazzo   Duca di Montalbo 2004 Sicilia Igt  Azienda Agricola G. Milazzo   Friularo Il Fondatore 2003 Bagnoli Doc  Conselve Vigneti e Cantine   Gironia Rosso Riserva 2008 Biferno Doc  Cantine Borgo di Colloredo   Gocce 2013 Primitivo di Manduria Dop  Feudi Salentini   Kaid Syrah 2012 Sicilia Doc  Alessandro di Camporeale   Lomanegra 2008 Montepulciano d'Abruzzo Doc  Società Agricola Rosarubra   Macchiarossa 2010 Doc Tintilia del Molise  Claudio Cipressi   Nican 2008 Montepulciano d'Abruzzo Doc  Cantina Orsogna di O.V. Orsogna    Pietra Sacra Rosso Riserva 2008 Erice Doc  Fazio Casa Vinicola in Erice    Ricossa 2012 Barbera d'Asti Docg Superiore  MGM Mondo del Vino   Scialo 2012 Terre Siciliane Igp  CVA Canicattì   Sichivej 2011 Barbera d'Asti Docg Superiore  Azienda Agricola Bel Sit              

Vitigni autoctoni

FVG terra di vini bianchi: scopriteli con Vigneti Aperti!

FVG terra di vini bianchi: scopriteli con Vigneti Aperti!

Prossimo appuntamento con Vigneti Aperti in Friuli Venezia Giulia, previsto per sabato 28 e domenica 29 agosto.

La nostra regione è rinomata soprattutto per le sue eccellenti produzioni di vini bianchi; per questo motivo, il Movimento Turismo del Vino FVG ha deciso di dedicare un weekend Vigneti Aperti alla scoperta degli autoctoni bianchi regionali. Sabato 28 e domenica 29 agosto i vignaioli aderenti vi aspettano per farvi assaporare prelibati vini e raccontarvi le ultime preparazioni della vigna in vista dell'imminente vendemmia. Sarete coinvolti con inusuali esperienze di conoscenza come una degustazione di Friulano in lingua friulana con traduzione simultanea in italiano (Cantina Puntin), un white dinner al tramonto nel parco (De Claricini), un'emozionante degustazione a lume di candela dopo aver assaggiato acini di Friulano direttamente in vigna (Elio Vini), un picnic in vigna (Tarlao Vignis in Aquileia), un pranzo degustazione con un menù pensato apposta per l'occasione (Vidussi Vini), oltre alle visite e passeggiate nei vigneti per verificare, assieme ai produttori, lo stato di maturazione delle uve scoprendo quali siano pronte per la vendemmia e quali necessitano di ancora qualche settimana. Una valida e originale proposta turistica per scoprire o riscoprire i nostri suggestivi paesaggi, i luoghi di eccellenza del vino; una piacevole e rilassante occasione di incontro all'aria aperta, adatta a turisti, appassionati e famiglie per imparare entrando direttamente a contatto con la natura. Le aziende vitivinicole regionali che aderiscono all'iniziativa sono: I Magredi a San Giorgio della Richinvelda (PN), in provincia di Udine trovate Cantina Puntin e Tarlao ad Aquileia, Elio Vini a Grupignano, Ferrin Paolo a Camino al Tagliamento, Le Due Torri a Corno di Rosazzo, Spolert Winery a Prepotto, Vigne del Malina a Remanzacco e Villa Vitas a Strassoldo. In provincia di Gorizia invece trovate Borgo Conventi a Farra d'Isonzo, Pascolo a Dolegna del Collio e Vidussi Vini a Capriva del Friuli. Inoltre, sabato 28 agosto il Gruppo FAI di Cividale del Friuli insieme alla Delegazione FAI di Udine vi invita a un incontro speciale alla scoperta dei valori paesaggistici ed enogastronomici del Friuli Venezia Giulia: "FAI un giro in vigna" all'Abbazia di Rosazzo. Un percorso sensoriale per conoscere il progetto Vigne Museum accompagnati dalla vignaiola Elda Felluga, presidente della nostra associazione, e dallo scrittore Matteo Bellotto che leggerà brani tratti dal suo libro "Storie di Vino e di Friuli Venezia Giulia". Al termine della passeggiata, non mancherà un brindisi con un vino che racchiude la storia di questi luoghi: Abbazia di Rosazzo 2017 di Livio Felluga. Per informazioni e prenotazioni email nadaluttiilaria@libero.it, telefono 0432 730005 o whatsapp 339 1555344. L'iniziativa FAI rientra nell'ampio programma previsto per la 16° edizione di Olio e Dintorni, la manifestazione – organizzata dall'associazione Arc Oleis e Dintorni – per promuovere la produzione e la qualità dell'olio extravergine di oliva di eccellenza in Friuli Venezia Giulia, in programma a Oleis di Manzano sabato 28 e domenica 29 agosto. Per conoscere il programma della manifestazione www.oleisedintorni.wix.com/oleisedintorni. Tutti gli amici enoturisti che vogliono essere informati sulle news della manifestazione e le aziende aderenti nei vari weekend trovano tutte le informazioni sul sito www.cantineaperte.info e sui social media dell'associazione Facebook MtvFVG e Instagram mtv_friulivg.

Festa dei vini autoctoni del Piemonte, Alba sabato 28 agosto 2021

Festa dei vini autoctoni del Piemonte, Alba sabato 28 agosto 2021

Una degustazione tutta dedicata alla valorizzazione del grande patrimonio di vitigni autoctoni del Piemonte.

MEZZOCORONA CELEBRA IL PRINCIPE DEI VINI TRENTINI

MEZZOCORONA CELEBRA IL PRINCIPE DEI VINI TRENTINI

Palazzo Martini, al centro della cittadina della Piana Rotaliana, torna ad aprire le porte ai winelovers per tre giorni di degustazioni e approfondimenti dedicati al Teroldego Rotaliano, celebre rosso autoctono trentino, che nel 2021 celebra i cinquant’anni di riconoscimento della DOC. L’enoweekend si inserisce nella più ampia manifestazione Aspettando Settembre Rotaliano, in programma tutti i fine settimana a partire dal 20 agosto. A supporto della manifestazione, anche la rassegna A tutto Teroldego, dal 16 al 26 settembre, su tutto della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino.

Vitigni

TORREVILLA OLTRE UN SECOLO DI STORIA DA DEGUSTARE A 50 SFUMATURE DI PINOT NOIR

TORREVILLA OLTRE UN SECOLO DI STORIA DA DEGUSTARE A 50 SFUMATURE DI PINOT NOIR

L’Associazione di Viticoltori si unisce all’evento “50 sfumature di Pinot Noir”: un intero weekend, cinquanta degustazioni e altrettante etichette, per scoprire il vino principe dell’Oltrep

Un intero weekend durante il quale appassionati e semplici curiosi potranno immergersi nel mondo del Pinot Noir, di cui l’Oltrepò Pavese è primo produttore in Italia e terzo al mondo. Sabato 17, dalle 15 alle 20, e domenica 18, dalle 10 alle 19, dalla centralissima piazza del Duomo passando per il centro storico fino ad incontrare la via Emilia, avrà luogo il percorso degustativo con cinquanta punti di degustazione: un’occasione unica per scoprire e gustare, anche in abbinamento ai prodotti gastronomici della migliore tradizione, tutte le sfumature dei vini Pinot Noir, frutto di diverse vinificazioni (ben otto!), ma anche di diverse esperienze.   E quella di Torrevilla è senza dubbio una delle esperienze più longeve: principale interlocutore delle eccellenze dell’Oltrepò, Torrevilla prosegue nel percorso, intrapreso nel 1907 e mantenuto intatto con dedizione, fatto di qualità, ricerca, passione e rispetto delle tradizioni e del territorio.   Per l’occasione, l’associazione di viticoltori proporrà in degustazione le sfumature di tre dei suoi Pinot Nero della linea La Genisia: - Riserva 110 Pinot Nero Nature Docg: spumante Metodo Classico color giallo paglierino con riflessi dorati, perlage fine e persistente, si distingue per il suo profumo molto intenso con piacevoli note agrumate e sentori di frutta secca e piccola pasticceria, e per il gusto intenso, fresco e molto morbido con finale persistente. - Riserva 110 Pinot Nero Noir Dop: rosso fermo dal tipico color rubino con riflessi violacei, profumo intenso con eleganti note di piccoli frutti rossi che si sposano a piacevoli sentori di spezie, e gusto piacevolmente fresco, morbido e avvolgente nei suoi dolci tannini, con finale persistente e pulito. - Cruasé Rosé Docg: spumante Metodo Classico dal perlage fine e persistente, si caratterizza per un profumo intenso e delicato molto penetrante e per un gusto fruttato, morbido ed armonico che rivela una piacevole corposità. 50 Sfumature di Pinot Noir: Info & Costi. Verranno allestiti in Piazza Duomo e in Sala Zonca (via Emilia angolo via Ugo Gola) due punti in cui sarà possibile ritirare il proprio calice, che verrà distribuito insieme alla tasca e alla mappa dei punti degustazione. Con 15 euro si avrà diritto a 10 degustazioni di vino, a cui si abbineranno in alcune attività commerciali anche diversi assaggi di prodotti gastronomici della tradizione. Per chi volesse acquistare il kit in prevendita potrà farlo attraverso il portale Enonautilus al link https://enonautilus.com/experiences/50-sfumature-di-pinot-noir

Bollicine metodo classico firmate Biasin

Bollicine metodo classico firmate Biasin

Dalla cantina di Ca' Rovere spumanti di alta gamma

La Malvasia Tiare diventa d'oro

La Malvasia Tiare diventa d'oro

Riconoscimento per il biano dell

Vino e professioni

VIENNA È PRONTA PER ACCOGLIERE IL LUGANA DOC  IN ITALIA VOLA NEI CONSUMI CON UN +49% NEL 2021

VIENNA È PRONTA PER ACCOGLIERE IL LUGANA DOC IN ITALIA VOLA NEI CONSUMI CON UN +49% NEL 2021

Forte del primo posto nella classifica dei vini più venduti nel nostro Paese, la DOC torna su un palcoscenico internazionale con una Masterclass nella patria dei bianchi, un mercato esigente dal grande potenziale.

Il Lugana DOC mantiene il primato dei vini più amati dagli italiani. L'analisi della Coldiretti su dati Infoscan Census relativi ai primi nove mesi dell'anno, diffusa in occasione del Vinitaly Special Edition lo vede al primo posto, con un +49% delle vendite. E non si tratta di un exploit, poiché esattamente un anno fa, nell'ottobre 2020, un'analoga ricerca della Rome Business School dedicata al mercato del vino in Italia ai tempi del Covid-19, poneva il Lugana saldamente al primo posto fra i vini emergenti. Forte di questa consapevolezza, il Lugana DOC guarda al mercato austriaco, vicino ma molto competitivo. Il Consiorzio di Tutela è atteso domani a Vienna, per un'esclusiva Masterclass, dedicata a far conoscere e a spiegare le caratteristiche del Lugana ad una selezionata platea di giornalisti del settore enogastronomico ed operatori. Terra di grandi bianchi, quinta in Europa per consumi pro-capite (28,8 lt/anno nel 2020), l'Austria è un paese maturo ed evoluto dal punto di vista enologico. "È il secondo anno consecutivo che investiamo sul mercato austriaco – afferma Ettore Nicoletto, Presidente del Consorzio di Tutela –. Ci siamo dati questo obiettivo per consolidare la nostra storica presenza nei Paesi di lingua tedesca. L'Austria è una "sfida" stimolante, poiché ci si confronta con un consumatore attento, sofisticato e capace di apprezzare vini di forte identità e carattere, un terreno su cui il Lugana non teme paragoni". Conduttore dell'evento sarà Othmar Kiem, grande esperto di vini italiani e caporedattore della rivista "Falstaff" per il nostro Paese. "Il Lugana è senza dubbio uno dei vini bianchi più emozionanti d'Italia ma ancora poco conosciuto dal consumatore austriaco – afferma Kiem - . Inoltre l'Austria stessa produce grandi vini bianchi e gli austriaci sono orgogliosi del loro vino. Tuttavia, penso che ci siano buone possibilità per il Lugana. Da un lato, c'è la metropoli di Vienna, con i suoi 2 milioni di abitanti, dove vivono molti consumatori interessati ad aprire i loro orizzonti al di là del vino austriaco. E poi c'è il settore del turismo, in particolare nelle aree di Vienna, di Salisburgo e del Tirolo. I punti di forza del Lugana sono sicuramente la ricchezza di tipologie e sfumature e il potenziale di invecchiamento". Caratteristiche che, con l'aiuto della stampa e degli addetti ai lavori, il Consorzio intende far scoprire ai consumatori austriaci. Ben diversa è appunto la situazione in patria, dove il Lugana si conferma un vino amatissimo e sempre più richiesto, non solo nel canale HoReCa ma anche nella grande distribuzione. E anche i recenti appuntamenti dal vivo hanno ribadito il momento di gran forma della Denominazione. Il Consorzio, infatti, ha presenziato in tutti i più importanti eventi del settore, dalla Milano Wine Week, dove è stato protagonista di 2 Masterclass con focus su USA e Giappone ed ha animato uno dei Wine District, a Hostaria Verona, fino alla recentissima partecipazione alla special edition di Vinitaly cui ha partecipato in collaborazione con ASCOVILO. Lo stand del Consorzio ha incontrato grande interesse ed entusiasmo, tanto fra i professionisti che fra il pubblico che sta imparando gradualmente ad apprezzare non solo il più noto Lugana DOC d'annata ma anche le tipologie più complesse ed evolute, come il Superiore o il Riserva, o ancora la versione Spumante, un'ottima "bollicina" da uva autoctona Turbiana prodotta sia in versione Classico che Charmat.  

FELCO Main Sponsor di  VINE MASTER PRUNERS ACADEMY  by SIMONIT&SIRCH

FELCO Main Sponsor di VINE MASTER PRUNERS ACADEMY by SIMONIT&SIRCH

Al via ufficiale la partnership internazionale tra VINE MASTER PRUNERS Academy by SIMONIT&SIRCH e FELCO, con l'obiettivo di promuovere la filosofia condivisa di migliorare la vita delle piante di vite.

Un'altra, ottima annata. Vendemmia del Monferrato: analisi e previsioni

Un'altra, ottima annata. Vendemmia del Monferrato: analisi e previsioni

La vendemmia del Monferrato prepara grandi vini. Il Consorzio: «Qualità eccellente, ma attenzione ai cambiamenti climatici».

Tracciabilit

LUGANA DOC BRINDA ALL’ESTATE, VIA LIBERA A TUTTO IL VINO STOCCATO NEL 2020

LUGANA DOC BRINDA ALL’ESTATE, VIA LIBERA A TUTTO IL VINO STOCCATO NEL 2020

Con la decisione di rendere disponibile anche il restante 50% delle riserve della scorsa vendemmia, il CDA guidato da Ettore Nicoletto completa la manovra di sblocco parziale decisa a maggio 2021.

La decisione cade al momento giusto, nella stagione dell'anno in cui, complici le calde serate estive, la domanda di Lugana DOC raggiunge l'apice: il Consorzio renderà disponibili sul mercato gli ultimi 8.900 hl di vino della Vendemmia 2020, prudenzialmente stoccati, ma che possono ora essere liberati a fronte delle ottime e costanti performance della DOC. Il periodo d'oro del Lugana continua, confermando il brillante inizio d'anno. Anche includendo la quota stoccata, da marzo 2021 le giacenze risultano infatti inferiori rispetto al 2020, il prezzo medio del vino sfuso ha visto un incremento del 93% a luglio 2021 rispetto al luglio dell'anno precedente (fonte: borsa merci delle CCIAA di Verona) pari a € 2,60-3,00 al litro, ed anche gli imbottigliamenti hanno segnato a giugno un +19,76%. "A fronte di questi dati, il CDA ha ritenuto opportuno liberare tutto il vino posto a stoccaggio, anche per alleviare l'attuale pressione sulle giacenze e permettere alle aziende una più agevole programmazione delle vendite - spiega il Presidente Ettore Nicoletto. "E' una decisione a cui siamo giunti con grande naturalezza, quasi inevitabile a fronte dell'inversione di tendenza dopo il difficile 2020, e che va nell'ottica di rispondere alla crescente domanda di vino da parte dei consumatori, dando allo stesso tempo valore e il giusto riconoscimento al Lugana DOC e all'intera filiera, dal prezzo dell'uva, del vino, fino alla bottiglia". Se è vero che il Lugana è conosciuto principalmente come vino fresco d'annata, sarebbe un grave errore ridurlo a questa definizione. Si tratta di una Denominazione antica (la prima ad essere riconosciuta in Lombardia), di carattere e che può essere apprezzata tutto l'anno e a tutto pasto, grazie alle peculiarità della Turbiana, il vitigno da cui origina, capace di straordinaria versatilità ed evoluzione nel tempo, come si può ben apprezzare nel vino DOC ma ancor più nelle tipologie Superiore e Riserva. Sono sorprendenti i Lugana Spumante, prodotti sia con metodo Classico che Charmat, una bollicina autoctona da provare per chi ancora non la conoscesse, così come non può lasciare indifferenti la versione Vendemmia Tardiva, ottimo vino da abbinamento con formaggi o pasticceria secca, ma anche da meditazione.

Vale 6,1 miliardi di euro la produzione lorda agricola veneta nel 2020.

Vale 6,1 miliardi di euro la produzione lorda agricola veneta nel 2020.

Veneto Agricoltura ha pubblicato l'atteso Report (scaricabile) sulla congiuntura del primario regionale nel 2020, con anche le prime anticipazioni sull'andamento (non male..) del 2021. Sul canale YouTube dell'Agenzia una serie di video-approfondimenti.

Lugana DOC, via libera al 50% del vino stoccato

Lugana DOC, via libera al 50% del vino stoccato

La crescita di prezzi e imbottigliamenti ha determinato la decisione di sbloccare 8.900 hl di vino sfuso.

Innovazioni tecnologiche

Masi selezionata per rappresentare l'Italia nel progetto pilota U-LABEL, la nuova piattaforma digitale europea per la creazione di etichette elettroniche per il vino

Masi selezionata per rappresentare l'Italia nel progetto pilota U-LABEL, la nuova piattaforma digitale europea per la creazione di etichette elettroniche per il vino

L'azienda veneta partecipa all'innovativo progetto presentato a Bruxelles, collaborando allo sviluppo della piattaforma che contribuirà a un'informazione al consumatore ancora più trasparente.

Masi Agricola è la prima cantina italiana selezionata per aderire al progetto U-LABEL, la nuova piattaforma digitale europea per la creazione di etichette elettroniche e-label, presentato oggi a Bruxelles dal Comité Européen des Entreprises Vins (CEEV) e SpiritsEUROPE, Associazioni europee di produttori, rispettivamente di vini e di spiriti, in collaborazione con Federvini. Il progetto nasce in risposta ai nuovi obblighi di etichettatura in forma fisica e digitale (e-label) per i vini e i prodotti vinicoli aromatizzati introdotti dalla riforma della Politica Agricola Comune (PAC), che verrà adottata dall'autunno 2021 e prevede che l'indicazione delle calorie dovrà figurare direttamente sulle etichette cartacee, mentre la lista degli ingredienti e la dichiarazione nutrizionale potranno essere fornite elettronicamente tramite una e-label. Grazie all'utilizzo della piattaforma i produttori potranno creare le proprie etichette digitali e fornire in maniera immediata informazioni più complete rispetto a quelle di un'etichetta tradizionale, promuovendo una maggiore trasparenza verso il consumatore. Masi, associata storica di Federvini, da sempre votata all'innovazione, con il fondamentale apporto del suo Gruppo Tecnico, ha contribuito attivamente allo sviluppo della piattaforma partecipando al progetto di sperimentazione sui propri prodotti, nello specifico con il "Fresco di Masi" rosso, della nuova linea di vini biologici. L'azienda ha scelto di supportare quest'iniziativa di portata internazionale, nel segno della massima trasparenza verso il consumatore, con uno dei prodotti più rappresentativi della sua vocazione alla sostenibilità.   Raffaele Boscaini, Direttore Marketing e Coordinatore del Gruppo Tecnico Masi, ha dichiarato: "Siamo lieti che Masi sia stata selezionata a rappresentare l'Italia nel progetto pilota che ha consentito di creare un'innovativa piattaforma per generare le etichette digitali del vino. Da parte nostra, sosteniamo con grande convinzione questa iniziativa volta in primis a garantire la totale trasparenza verso il consumatore. La tecnologia ci supporta in modo determinante in questa operazione permettendo di coniugare un'informazione puntuale e approfondita con la gradevolezza e l'originalità del packaging di un prodotto di antica tradizione".   

Enoturismo 4.0: marketing e digitalizzazione, leve del successo aziendale

Enoturismo 4.0: marketing e digitalizzazione, leve del successo aziendale

Blinkup, con la collaborazione dell’Associazione Dama Castellana ed il patrocinio di Coldiretti Treviso, ha organizzato insieme a Kaos Marketing un convegno gratuito che apre l’evento EnoConegliano Veneto Wine Stars il 24 settembre 2021 dalle ore 17.30 alle 19.30 presso l’ex Convento San Francesco di Conegliano per confrontarsi con esperti sul futuro dell’enoturismo.

VIRTUAL TASTING CONSORZIO VINI VENEZIA 2021

VIRTUAL TASTING CONSORZIO VINI VENEZIA 2021

il Consorzio Vini Venezia presenta il nuovo ciclo di 5 incontri digitali nati dal desiderio di diffondere e comunicare la cultura enologica del territorio veneto.

Prosecco

"HO MANGIATO, BEVUTO E DORMITO CON IL PROSECCO"

Graziano Merotto festeggia 50 anni di storia del Superiore.

Erano gli anni Settanta, tutto da costruire, ma la tenacia di quest'uomo è andata oltre; così, da soli 1400 metri di terreno coltivabile sulle colline di Conegliano Valdobbiadene, oggi patrimonio UNESCO, Graziano Merotto ha creato progressivamente un'azienda divenuta nel tempo un riferimento assoluto per l'eccellenza del territorio. Oggi, per festeggiare mezzo secolo di lavoro, nel rispetto della terra e delle sue espressioni, nasce un vino che è la sintesi di esperienze, successi ed errori perché, per usare le parole di Graziano, il vino non si fa solo in vigna, il vino è il percorso dell'uomo e della sua conoscenza. La Cuvèe del Fondatore Graziano Merotto, Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG Brut Millesimato 2020 Edizione 50°, contraddistinta dal sigillo in ceralacca rosso, rappresenta simbolicamente la summa della storia di quest'uomo e dei 50 anni di vita dedicata alla ricerca per ottenere il meglio dallo splendido territorio di Conegliano Valdobbiadene. I frutti di questo vino unico provengono da una raccolta di piccole quote di uva provenienti dalle vigne più vecchie e vocate di Col San Martino. La vinificazione si è svolta in maniera tradizionale, seguita da una permanenza sui lieviti di circa un anno. Il risultato finale è unico così come lo spirito e l'ispirazione che hanno contribuito alla nascita di questo vino, in cui la luce, l'ossigeno e la composizione di una terra fuori dall'ordinario si uniscono per tracciare una direzione qualitativa difficile da dimenticare.

 IL VALDOBBIADENE PROSECCO SUPERIORE DI CARTIZZE DOCG DELL'AZIENDA LE COLTURE VINCE LA DAMA D'ORO AL CONCORSO

IL VALDOBBIADENE PROSECCO SUPERIORE DI CARTIZZE DOCG DELL'AZIENDA LE COLTURE VINCE LA DAMA D'ORO AL CONCORSO "ENOCONEGLIANO 2021"

L'iconico vino dell'azienda di Santo Stefano di Valdobbiadene si è aggiudicato il più alto premio della sua categoria nell'ambito di "Enoconegliano", il 23° concorso enologico regionale che seleziona i migliori vini veneti

Inarrestabile Asolo Prosecco: +25% nei primi sei mesi del 2021

Inarrestabile Asolo Prosecco: +25% nei primi sei mesi del 2021

La campagna promozionale condotta nelle principali città italiane ha superato i 15 milioni di visualizzazioni sui social media.