Attrezzature enologiche agricole

Enomet Impianti S.r.l.

Enomet Impianti S.r.l.

design and construction of machinery for winemaking Enomet Impianti

Via Dei Laghi, 18/E - Calcinelli 61036
Colli al Metauro (Pesaro e Urbino)

Enomet Impianti S.r.l. è costituita da personale qualificato con tanti anni di esperienza nel settore enologico.

Segui Vinievino su:

Storia del vino

FRESCOBALDI PRESENTA LA NONA VENDEMMIA DI GORGONA

FRESCOBALDI PRESENTA LA NONA VENDEMMIA DI GORGONA

"L’arcipelago toscano è un paradiso terrestre di cui Gorgona è la perla d’Afrodite più selvaggia e luminescente. Dietro la sua scontrosità apparente, l’indicibile seduzione di profumi e silenzi, ed una natura che commuove per la sua forza, per la sua pubertà eterna.... E intorno, acqua e sale, a riflettere i messaggi del cielo, a stringere i lacci alle vele." (A.Bocelli - 2014).

Qui i detenuti trascorrono l’ultimo periodo di pena, lavorando a contatto con la natura per sviluppare professionalità che facilitino il reinserimento nella realtà lavorativa e sociale. Intorno ad un piccolo vigneto, nel cuore di un anfiteatro da cui si domina il mare, inizia il progetto il cui obiettivo è permettere ai detenuti di fare un’esperienza concreta e attiva nel campo della viticoltura, con la collaborazione e la supervisione degli agronomi ed enologi Frescobaldi. Gorgona Rosso vede la luce con la vendemmia 2015, da alcuni filari di Sangiovese e Vermentino Nero, coltivati in agricoltura biologica ed affinati poi in Orcio in terracotta. Oggi il vigneto ha un’estensione di due ettari, di cui uno iniziale ed un secondo impiantato nel 2015. Da questo vigneto di Vermentino e Ansonica nasce Gorgona, frutto dell’unicità del luogo, del lavoro dell’uomo e simbolo di speranza e libertà. GORGONA BIANCO 2020 - Costa Toscana Bianco IGT L’etichetta di Gorgona vuole essere “l’edizione straordinaria” dell’isola, raccontandone ogni anno un aspetto differente. Avvicinarsi a Gorgona significa scoprire biodiversità uniche, una folta macchia mediterranea, il mare incontaminato, ma anche fortificazioni, testimoni di antiche civiltà e una piccola chiesa edificata all’inizio del XVIII secolo dai certosini, dedicata a San Gorgonio. L’etichetta Gorgona 2020 ci racconta della rocca e delle torri presenti sull’Isola. Sulla costa occidentale, scoscesa e frastagliata, sorge possente la "Torre Vecchia", un imponente maniero pisano o meglio definibile “una rocca”, rivestito di pietra locale, ora diroccato, edificato tra l'XI e il XIII secolo che aveva lo scopo di presidiare il tratto di mare verso la Corsica e di difendere i monaci dalle frequenti incursioni piratesche. Sul lato opposto dell'isola, verso il continente, la cala dello scalo, il porticciolo dei pescatori dominato dalla "Torre Nuova", una fortificazione medicea del XVII secolo che completava il sistema di difesa marina. Infine, sull’isola si trovano anche due torri rossastre erette alla fine del XIX secolo per sorvegliare i movimenti sulla terra ferma: al limitare della pineta, vicino ai vigneti, la Torre dell’Orologio, il cui nome è ispirato alla meridiana posta sul fianco della costruzione e, verso Cala Scirocco, la Torre Garibaldi. La stagione 2020 sull’isola Gorgona è stata caratterizzata da un inverno con piogge frequenti, ma con temperature mai rigide, perché costantemente mitigate dalle brezze marine. La vite ha cominciato il suo ciclo vegetativo con il consueto anticipo che contraddistingue l’isola, germogliando nella prima settimana di marzo. Una primavera particolarmente gradevole, con giornate miti e soleggiate, ha favorito lo sviluppo vegeto – produttivo delle piante, accompagnandole verso un’estate che si è rivelata leggermente più fresca rispetto alle annate precedenti. Le temperature sono andate innalzandosi dalla fine luglio, tuttavia il microclima dell’isola, reso unico dalla presenza del mare, unito ad isolati eventi piovaschi, ha permesso che i grappoli arrivassero al periodo di raccolta in perfetto stato fisiologico e sanitario.  Un settembre altrettanto soleggiato ma sempre ventilato, ha infine fatto sì che le uve sviluppassero una buona maturità polifenolica, corredata da un profilo aromatico intenso ed elegante. Gorgona 2020 esprime una grande mediterraneità, con tutto il calore del sole che bacia l’isola e la freschezza delle brezze marine che soffiano costantemente. Il suo è un color giallo paglierino carico di riflessi dorati. Il bouquet è un elegante connubio di note mediterranee, floreali e fruttate. I sentori di macchia mediterranea che ricordano il cisto, l’elicriso, il lentisco ed il ginepro si combinano alla ginestra ed al ricordo di biancospino. Tra le note fruttate, evidenti i sentori di frutti esotici, quali abacaxì e maracuja ma anche quelle agrumate di bergamotto. Al palato meravigliose la sapidità e la freschezza che si intrecciano in un magico equilibrio, ancor più accentuato dalla morbidezza iniziale e da un’estrema eleganza che accompagna durante tutta la degustazione. Come tutte le annate, anche la 2020 si manifesta come un ulteriore strepitoso capitolo della storia di Gorgona. Gorgona porta colui che lo assaggia a respirare e ad assaporare le storie che solo questa piccola grande isola può raccontare.

Fattoria della Talosa: dai solchi della storia, tra grotte e gallerie, un antico luogo nascosto trova la luce

Fattoria della Talosa: dai solchi della storia, tra grotte e gallerie, un antico luogo nascosto trova la luce

Un rifugio contro i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale scoperto per caso, due anni di attenti lavori in sinergia con le Belle Arti, uno spazio nascosto nella Cantina Storica dell'azienda di Montepulciano che diventa un suggestivo luogo di degustazione.

Tommasi presenta la nuova linea “Metodo Classico” di Tenuta di Caseo

Tommasi presenta la nuova linea “Metodo Classico” di Tenuta di Caseo

Tre nuovi spumanti dell'Oltrepò Pavese arricchiscono l'offerta di un'azienda familiare che da 120 anni è tra le realtà più rappresentative della Valpolicella Classica e del Lugana: #laprimabolla è la nuova sfida enologica di Tommasi.

Enografia Italiana

Concours Mondial de Bruxelles 2015: 16 le gran medaglie ai vini italiani

Concours Mondial de Bruxelles 2015: 16 le gran medaglie ai vini italiani

Numeri da record per la edizione 22 del Concours Mondial de Bruxelles, svoltasi a Jesolo (Ve): oltre 8mila campioni (un migliaio in più rispetto alla precedente edizione italiana, in scena a Palermo nel 2010), più di 300 giurati e ben 160 persone che hanno collaborato alla riuscita della manifestazione sul territorio. 16 le gran medaglie ai vini italiani Concours Mondial de Bruxelles è sempre stato un importante appuntamento per il mondo del vino di qualità. Dal 2006 è diventato itinerante e ques'anno si è tenuto in Italia.  354 medaglie le medaglie ai vini italiani: 16 sono Gran medaglie d’oro, 104 medaglie d’oro e 234 medaglie d’argento. Il prossimo anno il Concorso  si sposta nel cuore della Bulgaria, a Plovdiv, per l’edizione del prossimo maggio 2016. Le Gran medaglie d'oro italiane VINO AZIENDA   Bursôn Tenuta Uccellina 2009 Ravenna Igt  Tenuta Uccellina   Carlo V Il Rosso dell'Imperatore 2013 Veneto Igt  Colli Vicentini   Cavitira Casa Vinicola Triacca Poderuccio 2011 Vino Nobile di Montepulciano Docg  Cavitria Casa Vinicola Triacca   Duca di Montalbo 2002 Sicilia Igt  Azienda Agricola G. Milazzo   Duca di Montalbo 2004 Sicilia Igt  Azienda Agricola G. Milazzo   Friularo Il Fondatore 2003 Bagnoli Doc  Conselve Vigneti e Cantine   Gironia Rosso Riserva 2008 Biferno Doc  Cantine Borgo di Colloredo   Gocce 2013 Primitivo di Manduria Dop  Feudi Salentini   Kaid Syrah 2012 Sicilia Doc  Alessandro di Camporeale   Lomanegra 2008 Montepulciano d'Abruzzo Doc  Società Agricola Rosarubra   Macchiarossa 2010 Doc Tintilia del Molise  Claudio Cipressi   Nican 2008 Montepulciano d'Abruzzo Doc  Cantina Orsogna di O.V. Orsogna    Pietra Sacra Rosso Riserva 2008 Erice Doc  Fazio Casa Vinicola in Erice    Ricossa 2012 Barbera d'Asti Docg Superiore  MGM Mondo del Vino   Scialo 2012 Terre Siciliane Igp  CVA Canicattì   Sichivej 2011 Barbera d'Asti Docg Superiore  Azienda Agricola Bel Sit              

Vitigni autoctoni

FVG terra di vini bianchi: scopriteli con Vigneti Aperti!

FVG terra di vini bianchi: scopriteli con Vigneti Aperti!

Prossimo appuntamento con Vigneti Aperti in Friuli Venezia Giulia, previsto per sabato 28 e domenica 29 agosto.

La nostra regione è rinomata soprattutto per le sue eccellenti produzioni di vini bianchi; per questo motivo, il Movimento Turismo del Vino FVG ha deciso di dedicare un weekend Vigneti Aperti alla scoperta degli autoctoni bianchi regionali. Sabato 28 e domenica 29 agosto i vignaioli aderenti vi aspettano per farvi assaporare prelibati vini e raccontarvi le ultime preparazioni della vigna in vista dell'imminente vendemmia. Sarete coinvolti con inusuali esperienze di conoscenza come una degustazione di Friulano in lingua friulana con traduzione simultanea in italiano (Cantina Puntin), un white dinner al tramonto nel parco (De Claricini), un'emozionante degustazione a lume di candela dopo aver assaggiato acini di Friulano direttamente in vigna (Elio Vini), un picnic in vigna (Tarlao Vignis in Aquileia), un pranzo degustazione con un menù pensato apposta per l'occasione (Vidussi Vini), oltre alle visite e passeggiate nei vigneti per verificare, assieme ai produttori, lo stato di maturazione delle uve scoprendo quali siano pronte per la vendemmia e quali necessitano di ancora qualche settimana. Una valida e originale proposta turistica per scoprire o riscoprire i nostri suggestivi paesaggi, i luoghi di eccellenza del vino; una piacevole e rilassante occasione di incontro all'aria aperta, adatta a turisti, appassionati e famiglie per imparare entrando direttamente a contatto con la natura. Le aziende vitivinicole regionali che aderiscono all'iniziativa sono: I Magredi a San Giorgio della Richinvelda (PN), in provincia di Udine trovate Cantina Puntin e Tarlao ad Aquileia, Elio Vini a Grupignano, Ferrin Paolo a Camino al Tagliamento, Le Due Torri a Corno di Rosazzo, Spolert Winery a Prepotto, Vigne del Malina a Remanzacco e Villa Vitas a Strassoldo. In provincia di Gorizia invece trovate Borgo Conventi a Farra d'Isonzo, Pascolo a Dolegna del Collio e Vidussi Vini a Capriva del Friuli. Inoltre, sabato 28 agosto il Gruppo FAI di Cividale del Friuli insieme alla Delegazione FAI di Udine vi invita a un incontro speciale alla scoperta dei valori paesaggistici ed enogastronomici del Friuli Venezia Giulia: "FAI un giro in vigna" all'Abbazia di Rosazzo. Un percorso sensoriale per conoscere il progetto Vigne Museum accompagnati dalla vignaiola Elda Felluga, presidente della nostra associazione, e dallo scrittore Matteo Bellotto che leggerà brani tratti dal suo libro "Storie di Vino e di Friuli Venezia Giulia". Al termine della passeggiata, non mancherà un brindisi con un vino che racchiude la storia di questi luoghi: Abbazia di Rosazzo 2017 di Livio Felluga. Per informazioni e prenotazioni email nadaluttiilaria@libero.it, telefono 0432 730005 o whatsapp 339 1555344. L'iniziativa FAI rientra nell'ampio programma previsto per la 16° edizione di Olio e Dintorni, la manifestazione – organizzata dall'associazione Arc Oleis e Dintorni – per promuovere la produzione e la qualità dell'olio extravergine di oliva di eccellenza in Friuli Venezia Giulia, in programma a Oleis di Manzano sabato 28 e domenica 29 agosto. Per conoscere il programma della manifestazione www.oleisedintorni.wix.com/oleisedintorni. Tutti gli amici enoturisti che vogliono essere informati sulle news della manifestazione e le aziende aderenti nei vari weekend trovano tutte le informazioni sul sito www.cantineaperte.info e sui social media dell'associazione Facebook MtvFVG e Instagram mtv_friulivg.

Festa dei vini autoctoni del Piemonte, Alba sabato 28 agosto 2021

Festa dei vini autoctoni del Piemonte, Alba sabato 28 agosto 2021

Una degustazione tutta dedicata alla valorizzazione del grande patrimonio di vitigni autoctoni del Piemonte.

MEZZOCORONA CELEBRA IL PRINCIPE DEI VINI TRENTINI

MEZZOCORONA CELEBRA IL PRINCIPE DEI VINI TRENTINI

Palazzo Martini, al centro della cittadina della Piana Rotaliana, torna ad aprire le porte ai winelovers per tre giorni di degustazioni e approfondimenti dedicati al Teroldego Rotaliano, celebre rosso autoctono trentino, che nel 2021 celebra i cinquant’anni di riconoscimento della DOC. L’enoweekend si inserisce nella più ampia manifestazione Aspettando Settembre Rotaliano, in programma tutti i fine settimana a partire dal 20 agosto. A supporto della manifestazione, anche la rassegna A tutto Teroldego, dal 16 al 26 settembre, su tutto della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino.

Vitigni

TORREVILLA OLTRE UN SECOLO DI STORIA DA DEGUSTARE A 50 SFUMATURE DI PINOT NOIR

TORREVILLA OLTRE UN SECOLO DI STORIA DA DEGUSTARE A 50 SFUMATURE DI PINOT NOIR

L’Associazione di Viticoltori si unisce all’evento “50 sfumature di Pinot Noir”: un intero weekend, cinquanta degustazioni e altrettante etichette, per scoprire il vino principe dell’Oltrep

Un intero weekend durante il quale appassionati e semplici curiosi potranno immergersi nel mondo del Pinot Noir, di cui l’Oltrepò Pavese è primo produttore in Italia e terzo al mondo. Sabato 17, dalle 15 alle 20, e domenica 18, dalle 10 alle 19, dalla centralissima piazza del Duomo passando per il centro storico fino ad incontrare la via Emilia, avrà luogo il percorso degustativo con cinquanta punti di degustazione: un’occasione unica per scoprire e gustare, anche in abbinamento ai prodotti gastronomici della migliore tradizione, tutte le sfumature dei vini Pinot Noir, frutto di diverse vinificazioni (ben otto!), ma anche di diverse esperienze.   E quella di Torrevilla è senza dubbio una delle esperienze più longeve: principale interlocutore delle eccellenze dell’Oltrepò, Torrevilla prosegue nel percorso, intrapreso nel 1907 e mantenuto intatto con dedizione, fatto di qualità, ricerca, passione e rispetto delle tradizioni e del territorio.   Per l’occasione, l’associazione di viticoltori proporrà in degustazione le sfumature di tre dei suoi Pinot Nero della linea La Genisia: - Riserva 110 Pinot Nero Nature Docg: spumante Metodo Classico color giallo paglierino con riflessi dorati, perlage fine e persistente, si distingue per il suo profumo molto intenso con piacevoli note agrumate e sentori di frutta secca e piccola pasticceria, e per il gusto intenso, fresco e molto morbido con finale persistente. - Riserva 110 Pinot Nero Noir Dop: rosso fermo dal tipico color rubino con riflessi violacei, profumo intenso con eleganti note di piccoli frutti rossi che si sposano a piacevoli sentori di spezie, e gusto piacevolmente fresco, morbido e avvolgente nei suoi dolci tannini, con finale persistente e pulito. - Cruasé Rosé Docg: spumante Metodo Classico dal perlage fine e persistente, si caratterizza per un profumo intenso e delicato molto penetrante e per un gusto fruttato, morbido ed armonico che rivela una piacevole corposità. 50 Sfumature di Pinot Noir: Info & Costi. Verranno allestiti in Piazza Duomo e in Sala Zonca (via Emilia angolo via Ugo Gola) due punti in cui sarà possibile ritirare il proprio calice, che verrà distribuito insieme alla tasca e alla mappa dei punti degustazione. Con 15 euro si avrà diritto a 10 degustazioni di vino, a cui si abbineranno in alcune attività commerciali anche diversi assaggi di prodotti gastronomici della tradizione. Per chi volesse acquistare il kit in prevendita potrà farlo attraverso il portale Enonautilus al link https://enonautilus.com/experiences/50-sfumature-di-pinot-noir

Bollicine metodo classico firmate Biasin

Bollicine metodo classico firmate Biasin

Dalla cantina di Ca' Rovere spumanti di alta gamma

La Malvasia Tiare diventa d'oro

La Malvasia Tiare diventa d'oro

Riconoscimento per il biano dell

Vino e professioni

BARBATELLING: PER PARLARE DI VINO CON I FUMETTI...E VICEVERSA

BARBATELLING: PER PARLARE DI VINO CON I FUMETTI...E VICEVERSA

Nel primo Weekend i vini del Monferrato sfidano Francesco d'ippolito e due Friulani spiegano il vino a fumetti.

Se la risposta è no l'occasione è Barbatelling, una serie di appuntamenti realizzati da CasaleComics&Games nella cornice della manifestazione Calicentro 2021 che mettono insieme vino e fumetti nella sede dell'Enoteca Regionale del Monferrato (primo cortile del Maniero), facendola diventare dal 18 al 26 settembre la sede per due mostre, due degustazioni (decisamente insolite) e due incontri con autori davvero speciali.  Ecco cosa ci riserva il primo weekend. Mostre: Bottiglie d'autore e Grazie alla preziosa collaborazione con Vincomics, la manifestazione nata nel 2018 alle Cinque Terre, Barbatelling ospita Bottiglie D'autore una trentina di vini pregiati dalle etichette ancora più pregiate, sono infatti pezzi unici realizzati dai più grandi maestri del fumetto italiano del dopoguerra, Manara, Giardino, Hugo Pratt tra gli altri.  La seconda mostra è dedicata ai partecipanti del contest "Storie di Grignolino in Grignolino", realizzato in collaborazione con Slow Food Condotta del Monferrato.  Venti opere provenienti da tutta Italia che hanno reinterpretato in illustrazioni e fumetti il vino più significativo del Monferrato e il territorio dove nasce. Le mostre saranno visitabili durante tutta l'apertura del castello dal 18 al 26 settembre-  Ingresso Libero I vini del Monferrato incontrano Francesco D'Ippolito Sabato 18 settembre alle ore 17 si tiene la prima delle "Vincomics Degustatio" una degustazione in parallelo che vede a disposizione dei partecipanti i vini dalla Cantina Beccaria, presentati da Laura Beccaria (Grignolino del Monferrato Casalese DOC, Monferrato Freisa DOC e Barbera del Monferrato Superiore DOCG) e dall'altro lato del tavolo Francesco D'Ippolito che li commenterà in live painting. D'ippolito è uno degli autori di punta della Disney Italia fin da quando su Topolino 2419 del 2002 viene pubblicata la sua prima storia" Qui Quo Qua e l'oro metropolitano" Rimane poi una delle presenze fisse del settimanale collaborando ai disegni di numerose saghe (Wizards of Mickey, Pikappa, DoubleDuck, Paperi Galattici, Commissariato di Topolinia sezione scomparsi...) nel 2006 è uno degli autori presenti nella storia Ciccio e il compleanno sottosopra che si guadagna il curioso record come storia a fumetti più lunga del mondo.. Fuori da Disney D'ippolito lavora, per Sergio Bonelli Editore e altre realtà editoriali. Conduce l'incontro Ferruccio Giromini, giornalista specializzato in storia dell'immagine. L'incontro è a pagamento (€18) su prenotazione fino ad esaurimento posti https://www.casalecomicsandgames.com/acquistodegustazioni Manuale a fumetti per bere con gusto Se volete fare i fighi con un calice di vino in mano, ma non avete idea di cosa voglia dire "millesimato" o che differenza ci sia tra un Franciacorta e un Prosecco. L'incontro di Domenica 19 settembre alle ore 17 è quello che fa per voi: Francesco Scalettaris e Giò Di Qual presentano il loro "Conoscere il vino – Manuale a fumetti per bere con Gusto" (ed Beccogiallo). Insieme a Vito, il protagonista di questa storia che si snoda tra cantine e vigneti, scoprirete tutti i segreti del vino divertendovi.  Giò Di Qual inoltre disegnerà in live painting per l'occasione.  La giornalista Genny Notarianni modera l'incontro che si promette di essere frizzante come i due autori friulani: Francesco Scalettaris, mamma francese, ma cresciuto in Italia ha visto in Goscinny e Uderzo l'occasione per far coesistere pacificamente questi due lati, ma dopo essersi diplomato Somellier e aver iniziato a lavorare con il vino ha anche capito che anche la rivalità enologica Italia-Francia non si poteva risolvere così facilmente. Gio di Qual disegna vignette per la rivista satirica Mataran, tiene corsi di fumetto e disegno con associazioni ed enti tra i più vari, ha partecipato alla raccolta di "racconti Il fronte di fronte – Diari", edita da Beccogiallo. Con la raccolta di fumetti Trestorie ha inaugurato la collana Minimestorie, curata dall'associazione di illustratori Spicelapis, con la quale collabora. Ha pubblicato tre opere originali a fumetti in friulano. L'incontro è aperto al pubblico, consigliata la prenotazione. Barbatelling prosegue poi il week end del 25 e 26 settembre con una nuova degustazione e un nuovo incontro. Tutto il programma su https://www.casalecomicsandgames.com/

Fermento Milano V Edizione

Fermento Milano V Edizione

Un nuovo modo per parlare di vino. Domenica 10 Ottobre 2021.

Fermento Milano V Edizione

Fermento Milano V Edizione

Un nuovo modo per parlare di vino. Domenica 10 Ottobre 2021.

Tracciabilit

LUGANA DOC BRINDA ALL’ESTATE, VIA LIBERA A TUTTO IL VINO STOCCATO NEL 2020

LUGANA DOC BRINDA ALL’ESTATE, VIA LIBERA A TUTTO IL VINO STOCCATO NEL 2020

Con la decisione di rendere disponibile anche il restante 50% delle riserve della scorsa vendemmia, il CDA guidato da Ettore Nicoletto completa la manovra di sblocco parziale decisa a maggio 2021.

La decisione cade al momento giusto, nella stagione dell'anno in cui, complici le calde serate estive, la domanda di Lugana DOC raggiunge l'apice: il Consorzio renderà disponibili sul mercato gli ultimi 8.900 hl di vino della Vendemmia 2020, prudenzialmente stoccati, ma che possono ora essere liberati a fronte delle ottime e costanti performance della DOC. Il periodo d'oro del Lugana continua, confermando il brillante inizio d'anno. Anche includendo la quota stoccata, da marzo 2021 le giacenze risultano infatti inferiori rispetto al 2020, il prezzo medio del vino sfuso ha visto un incremento del 93% a luglio 2021 rispetto al luglio dell'anno precedente (fonte: borsa merci delle CCIAA di Verona) pari a € 2,60-3,00 al litro, ed anche gli imbottigliamenti hanno segnato a giugno un +19,76%. "A fronte di questi dati, il CDA ha ritenuto opportuno liberare tutto il vino posto a stoccaggio, anche per alleviare l'attuale pressione sulle giacenze e permettere alle aziende una più agevole programmazione delle vendite - spiega il Presidente Ettore Nicoletto. "E' una decisione a cui siamo giunti con grande naturalezza, quasi inevitabile a fronte dell'inversione di tendenza dopo il difficile 2020, e che va nell'ottica di rispondere alla crescente domanda di vino da parte dei consumatori, dando allo stesso tempo valore e il giusto riconoscimento al Lugana DOC e all'intera filiera, dal prezzo dell'uva, del vino, fino alla bottiglia". Se è vero che il Lugana è conosciuto principalmente come vino fresco d'annata, sarebbe un grave errore ridurlo a questa definizione. Si tratta di una Denominazione antica (la prima ad essere riconosciuta in Lombardia), di carattere e che può essere apprezzata tutto l'anno e a tutto pasto, grazie alle peculiarità della Turbiana, il vitigno da cui origina, capace di straordinaria versatilità ed evoluzione nel tempo, come si può ben apprezzare nel vino DOC ma ancor più nelle tipologie Superiore e Riserva. Sono sorprendenti i Lugana Spumante, prodotti sia con metodo Classico che Charmat, una bollicina autoctona da provare per chi ancora non la conoscesse, così come non può lasciare indifferenti la versione Vendemmia Tardiva, ottimo vino da abbinamento con formaggi o pasticceria secca, ma anche da meditazione.

Vale 6,1 miliardi di euro la produzione lorda agricola veneta nel 2020.

Vale 6,1 miliardi di euro la produzione lorda agricola veneta nel 2020.

Veneto Agricoltura ha pubblicato l'atteso Report (scaricabile) sulla congiuntura del primario regionale nel 2020, con anche le prime anticipazioni sull'andamento (non male..) del 2021. Sul canale YouTube dell'Agenzia una serie di video-approfondimenti.

Lugana DOC, via libera al 50% del vino stoccato

Lugana DOC, via libera al 50% del vino stoccato

La crescita di prezzi e imbottigliamenti ha determinato la decisione di sbloccare 8.900 hl di vino sfuso.

Innovazioni tecnologiche

Enoturismo 4.0: marketing e digitalizzazione, leve del successo aziendale

Enoturismo 4.0: marketing e digitalizzazione, leve del successo aziendale

Blinkup, con la collaborazione dell’Associazione Dama Castellana ed il patrocinio di Coldiretti Treviso, ha organizzato insieme a Kaos Marketing un convegno gratuito che apre l’evento EnoConegliano Veneto Wine Stars il 24 settembre 2021 dalle ore 17.30 alle 19.30 presso l’ex Convento San Francesco di Conegliano per confrontarsi con esperti sul futuro dell’enoturismo.

L’incontro   tratterà   importanti   temi,   dal    concetto    di    semplificare    la complessità nell’implementazione di strategie digitali per tutte le realtà del territorio alle opportunità date dall’enoturismo per la ripartenza economica delle aree colpite maggiormente  dalla  crisi  post  covid-19. Il convegno dal titolo “Enoturismo 4.0: marketing e digitalizzazione, leve del successo aziendale” sarà aperto da Elio Ceschin, in rappresentanza dell’Associazione Dama Castellana EnoConegliano che ospita l’evento nello splendido Ex Convento San Francesco di Conegliano illustrando l’agenda, i relatori ed i temi trattati. Il primo relatore vedrà l’intervento  di Luca Colussi – Responsabile prov.le agriturismi, turismo enogastronomico  e  referente  Enoturismo  Coldiretti  Treviso  con  un   intervento   dal titolo “L’ospitalità in cantina tra passato e futuro, le opportunità dell’enoturismo professionale” che in qualità  di esperto nel settore enoturismo per  conoscenza della normativa nazionale, applicabilità nelle realtà aziendali e correlazione con le attività di “multifunzionalità” rurale, mira a evidenziare l’importanza di un approccio innovativo e diverso nell’offerta enoturistica rispetto all’esperienza storica. Oltre ad affrontare l’importante tema sul futuro dell’enoturismo post Covid-19 mostrerà i dati sul valore del vino in Italia, le potenzialità legate all’enoturismo nel contesto turistico italiano, che cosa cerca l’enoturista e come cambiano le richieste dei winelovers. Edoardo  Dal  Negro  – CEO  Blinkup  S.r.l.  interverrà con un focus sul  Marketing Digitale e nell’implementazione di strategie digitali mostrando i trend vincenti dell’evoluzione digitale e le modalità di applicazione degli stessi nell’ambito dell’enoturismo, settore strategico in cui - a causa della grande disomogeneità delle realtà esistenti - l’evoluzione digitale dovrà essere semplice, adattabile, efficace e accessibile. Con il titolo “semplificazione della complessità come chiave per la ripresa”: per affrontare la semplificazione non  sarà  quindi  necessaria  la  iper-focalizzazione  su  uno  specifico ambito o canale bensì il corretto presidio e bilanciamento dei fondamentali punti di contatto digitali della realtà industriale con la Customer Journey del  proprio  settore  e target di riferimento, definendo una chiara Strategia di azione con tattiche, azioni e indicatori di performance al fine di coprire quanti più possibili punti di contatto. La ripartenza come semplificazione delle strategie digitali volte a comunicare in  modo efficace con il nuovo consumatore attraverso personale competente, esperti di digital marketing, società in grado di aiutare le realtà industriali in questa semplificazione. Semplificare la complessità sarà quindi non solo una chiave di  lettura  ma  una metodologia per una ripartenza efficiente che vede un presidio costante dell’intera customer journey definendo azioni specifiche nel rispetto di normative all’interno di un contesto in grande cambiamento, attuale e futuro. Anna Zannino – CEO Kaos Marketing  – riprendendo  il  concetto  della  semplificazione della complessità per fare chiarezza all’interno delle proprie priorità, dei propri obiettivi e riallineare di conseguenza risorse e impegni. Negli oltre 20 anni in cui Kaos Marketing si è occupata di marketing e marketing territoriale ha evidenziato come troppo spesso “perseguire troppi traguardi, pensando di centrarne qualcuno sulla quantità non solo è costoso ma dispersivo e frustrante per l’organizzazione”. La crisi pandemica ha creato peraltro la necessità, ma anche opportunità per certi aspetti, di ripensarsi,  di rimodellare il proprio business su bisogni, aspettative e comportamenti d’acquisto dei  consumatori  che  la  crisi  stessa  ha  modificato  irrevocabilmente. Le domande cruciali per l’impresa e l’imprenditore, mai come in questo momento di grande transizione, diventa: quanto è attuale la mia offerta, non soltanto in termini di prodotto o servizio, ma di “modalità” di proposta, di comunicazione, di dialogo con il mio pubblico interessato? Cosa, tra quello che so fare e proporre commercialmente, è più interessante per il mio potenziale mercato? Cosa, di quello che ho da offrire gli reca vantaggio? “Semplificare la complessità, dal punto di vista strategico, vuol dire quindi per l’impresa avere il coraggio di rimettersi in discussione, guardandosi però con gli occhi del suo cliente (quello attuale e quello potenziale).” Soltanto un’impresa in grado di effettuare questo cambio di prospettiva e di modellarsi di conseguenza può affrontare le opportunità della digitalizzazione con consapevolezza e aspettative realistiche. Concluderà la serie degli interventi la testimonianza di Enrico Ciciliani - Innovative Solutions Marketing Manager Vodafone Business che racconterà alcuni casi di successo di Vodafone Business dedicati alle PMI. Per registrazioni all’evento: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-enoturismo-40-  marketing-e-digitalizzazione-leve-del-successo-aziendale-172794251257 Maggiori   informazioni:  https://www.blinkup.it/2021/09/15/enoturismo_4-  0_marketing_e_digitalizzazione_leve_de_successo_aziendale/ Blinkup S.r.l. Blinkup nasce nel 2015 con l’obiettivo di aiutare le piccole e medie imprese a crescere portando la loro digitalizzazione al passo con i tempi ed affiancandole nella definizione di una chiara strategia Digitale. Dal 2017 l’azienda si amplia e viene rilevata dagli attuali soci con l’obiettivo di operare in differenti settori con focus specifici in ambito Turistico e Vitivinicolo. Sin dal 2020 l’azienda si è focalizzata sul suo Approccio Strategico per una costante crescita delle PMI, diventato ora il suo trademark identificativo e sviluppando progetti di consulenza in ambito digitale e di formazione avanzata. Nel 2021 Blinkup finalizza il progetto Formativo completandolo con verticalizzazioni multi-settore e facendo forza sull’esperienza maturata dai suoi fondatori. Vengono realizzate partnership strategiche in differenti ambiti per rafforzare le differenti aree al fine di garantire un’offerta completa: dalla definizione delle strategie di distribuzione alla digitalizzazione delle PMI.

VIRTUAL TASTING CONSORZIO VINI VENEZIA 2021

VIRTUAL TASTING CONSORZIO VINI VENEZIA 2021

il Consorzio Vini Venezia presenta il nuovo ciclo di 5 incontri digitali nati dal desiderio di diffondere e comunicare la cultura enologica del territorio veneto.

FIVI4FUTURE: il nuovo progetto dei Vignaioli Indipendenti per l'agricoltura del futuro

FIVI4FUTURE: il nuovo progetto dei Vignaioli Indipendenti per l'agricoltura del futuro

Un programma pluriennale per formare al meglio i Vignaioli. Prima azione: aumentare la biodiversità dei vigneti.

Prosecco

 IL VALDOBBIADENE PROSECCO SUPERIORE DI CARTIZZE DOCG DELL'AZIENDA LE COLTURE VINCE LA DAMA D'ORO AL CONCORSO

IL VALDOBBIADENE PROSECCO SUPERIORE DI CARTIZZE DOCG DELL'AZIENDA LE COLTURE VINCE LA DAMA D'ORO AL CONCORSO "ENOCONEGLIANO 2021"

L'iconico vino dell'azienda di Santo Stefano di Valdobbiadene si è aggiudicato il più alto premio della sua categoria nell'ambito di "Enoconegliano", il 23° concorso enologico regionale che seleziona i migliori vini veneti

L'iconico vino dell'azienda si è infatti visto aggiudicare la Dama d'Oro, il più alto premio nella categoria "Vini spumanti con rifermentazione in autoclave (metodo Martinotti)" in occasione del 23° concorso enologico regionale che si è concluso venerdì 16 luglio 2021. "Siamo orgogliosi di veder premiato un vino per noi così importante nel segno della continuità qualitativa che ci stiamo impegnando a portare avanti giorno dopo giorno– racconta Cesare Ruggeri, titolare dell'azienda insieme ai figli Alberto, Veronica e Silvia. "Il riconoscimento al nostro Valdobbiadene Prosecco Superiore di Cartizze rappresenta per noi un'importante conferma e ci rende particolarmente soddisfatti dato il prestigioso contesto che il concorso Enoconegliano rappresenta oggi per la nostra zona. Siamo entusiasti all'idea che anche la giuria del concorso abbia apprezzato il nostro vino che nasce in un luogo meraviglioso, una collina fitta di vigneti considerata come il cuore della denominazione. È qui che la glera raggiunge la migliore maturazione possibile portando a vini profondi, sfaccettati, freschi che il nostro Valdobbiadene Prosecco Superiore di Cartizze incarna perfettamente." In quanto vincitore della Dama d'Oro, il Valdobbiadene Prosecco Superiore di Cartizze de Le Colture verrà degustato in occasione della manifestazione "Veneto Wine Stars - Enoconegliano 2021 che si terrà presso l'ex Convento San Francesco a Conegliano nei giorni 24, 25 e 26 settembre 2021 durante la quale verranno proclamati di tutti i vini vincitori. Il Concorso, riservato solo ai vini a denominazione di origine e a indicazione geografica tipica e ai vini spumanti a denominazione di origine e vini spumanti di qualità prodotti nella regione Veneto, nasce dalla volontà dell'Associazione Dama Castellana di Conegliano di far conoscere al consumatore la migliore produzione enologica regionale e stimolare le aziende vitivinicole per il miglioramento della qualità dei prodotti. La selezione è stata curata da una giuria divisa in cinque commissioni ognuna composta da 4 enologi e da un giornalista hanno valutato in due giorni di lavori 493 campioni presentati da 169 aziende in rappresentanze delle province di Belluno, Padova, Treviso, Venezia, Verona e Vicenza.

Inarrestabile Asolo Prosecco: +25% nei primi sei mesi del 2021

Inarrestabile Asolo Prosecco: +25% nei primi sei mesi del 2021

La campagna promozionale condotta nelle principali città italiane ha superato i 15 milioni di visualizzazioni sui social media.

Consorzio Asolo Prosecco sostiene la ristorazione trevigiana.

Consorzio Asolo Prosecco sostiene la ristorazione trevigiana.

Un’iniziativa per ripartire assieme: le bollicine asolane presentano dodici ristoranti attraverso una campagna di comunicazione sui quotidiani locali e sui profili social del Consorzio.