Fivi al suo esordio romano
Fivi al suo esordio romano


Fivi al suo esordio romano

Prima edizione del Mercato dei Vini dei Vignaioli Indipendenti di Roma

Biglietti anche on line

Saranno 212 i vignaioli indipendenti della FIVI che animeranno il Salone delle Fontane all'EUR sabato 13 e domenica 14 maggio 2017 per la prima edizione del Mercato dei Vini dei Vignaioli Indipendenti di Roma.
Un appuntamento realizzato in collaborazione con Daniele De Ventura di Little Market e fortemente voluto dagli stessi vignaioli, soprattutto per andare incontro a chi a causa della distanza non è mai riuscito a partecipare all'appuntamento di Piacenza di fine novembre. Ma che ha anche un valore istituzionale. "Spostarsi verso sud per noi è una priorità - afferma Matilde Poggi, presidente FIVI – ma Roma ha anche un significato simbolico. È lì che hanno sede le istituzioni ed è lì che vogliamo far sentire sempre di più la voce degli oltre mille Vignaioli Indipendenti di tutta Italia". La FIVI è infatti attualmente impegnata in un dialogo continuo con il Ministero, su temi quali il Dossier Burocrazia, la rappresentanza nei Consorzi di Tutela e i decreti attuativi del Testo Unico del Vino.
Quello di Roma sarà un vero e proprio mercato, un'occasione unica per ascoltare direttamente il racconto di chi tutti i giorni vive la vigna e si confronta costantemente con il territorio, per assaggiare i vini dalle mani dei vignaioli e acquistare le bottiglie. Proprio per questo il pubblico troverà a sua disposizione carrelli e cestini: una formula già sperimentata a Piacenza, che ha incontrato il grande favore degli appassionati.
Il Mercato dei vini dei Vignaioli Indipenenti sarà aperto al pubblico dalle 11.00 alle 19.00. Ingresso giornaliero € 15.00 (ridotto per soci AIS – FIS – FISAR – ONAV - AIES e SLOW FOOD).
Prevendite on line: https://goo.gl/dQEGNw

Biglietti anche on line
© RIPRODUZIONE RISERVATA




COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO


Non sono stati scritti ancora commenti su Fivi al suo esordio romano. Scrivi tu il primo commento su Fivi al suo esordio romano