FIVI IN COMMISSIONE AGRICOLTURA ALLA CAMERA CHIEDE UNA PROROGA PER IL REGISTRO TELEMATICO
FIVI IN COMMISSIONE AGRICOLTURA ALLA CAMERA CHIEDE UNA PROROGA PER IL REGISTRO TELEMATICO


FIVI IN COMMISSIONE AGRICOLTURA ALLA CAMERA CHIEDE UNA PROROGA PER IL REGISTRO TELEMATICO

La Presidente Matilde Poggi esprime la sua preoccupazione per l'avvio ufficiale del registro telematico, previsto per il 30 aprile. Apertura dalla Commissione sulla revisione della rappresentatività nei Consorzi

La Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti - FIVI - ha espresso la sua preoccupazione per l'ormai imminente termine del periodo sperimentale del registro telematico.

Uno strumento utile, ma che al momento sta creando non pochi problemi, soprattutto ai piccoli produttori.
Rappresentata dalla presidente Matilde Poggi nell'audizione del 29 marzo della Commissione Agricoltura della Camera, assieme a Agrinsieme (Confagricoltura, CIA, Copagri, Alleanza delle cooperative italiane-agroalimentare), Coldiretti, UeCoop e Unci e delle associazioni Assoenologi, Asso-Odc, Federdoc, Federvini e Unione Italiana Vini (UIV), la FIVI ha portato avanti le istanze dei vignaioli indipendenti, e ha chiesto nuovamente l'esenzione dall'utilizzo del registro informatico per le aziende che producano meno di 300 ettolitri di vino all'anno. Matilde Poggi chiede comunque che il sistema vada a regime solo quando gli enti cerificatori delle doc saranno in linea con il SIAN, affinchè i vignaioli non siano obbligati a fare la medesima comunicazione due volte.
L’audizione è stata anche l’occasione per porre l’attenzione su un altro tema tanto caro a FIVI: la richiesta di modifica dei criteri di rappresentatività all’interno dei Consorzi di tutela. "C'è stata una positiva apertura da parte di tutti – dichiara la presidente Poggi – sulla necessità di rivedere una legge che di fatto rende non scalabili le maggioranze dei Consorzi. Questo ci lascia ben sperare per il futuro".

Ufficio stampa FIVI:

Davide Cocco
392 9286448
davide@studiocru.it

Anna Sperotto
349 8434778
anna@studiocru.com

FIVI - Federazione Italiana dei Vignaioli Indipendenti
La Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti (FIVI) è un'associazione nata nel 2008 con lo scopo di rappresentare la figura del viticoltore di fronte alle istituzioni, promuovendo la qualità e autenticità dei vini italiani. Per statuto, possono aderire alla FIVI solo i produttori che soddisfano alcuni precisi criteri: "Il Vignaiolo FIVI coltiva le sue vigne, imbottiglia il proprio vino, curando personalmente il proprio prodotto. Vende tutto o parte del suo raccolto in bottiglia, sotto la sua responsabilità, con il suo nome e la sua etichetta".
Attualmente sono poco meno di 1000 i produttori associati, da tutte le regioni italiane, per un totale di circa 10.000 ettari di vigneto, per una media di circa 10 ettari vitati per azienda agricola. 70 sono i milioni di bottiglie commercializzate e il fatturato totale supera 0,6 miliardi di euro, per un valore in termini di export di 250 milioni di euro. I 10.000 ettari di vigneto sono condotti per il 49% in regime biologico/biodinamico, per il 10 % secondo i principi della lotta integrata e per il 41% secondo la viticoltura convenzionale.


Studio Cru
comunichiamo valori autentici
Viale Verona, 98 - 36100 Vicenza
Tel 0444 042110 - Fax 0444 042111

© RIPRODUZIONE RISERVATA




COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO


Non sono stati scritti ancora commenti su FIVI IN COMMISSIONE AGRICOLTURA ALLA CAMERA CHIEDE UNA PROROGA PER IL REGISTRO TELEMATICO. Scrivi tu il primo commento su FIVI IN COMMISSIONE AGRICOLTURA ALLA CAMERA CHIEDE UNA PROROGA PER IL REGISTRO TELEMATICO





Condividi:
FIVI IN COMMISSIONE AGRICOLTURA ALLA CAMERA CHIEDE UNA PROROGA PER IL REGISTRO TELEMATICO

Redattore: