Selvapiana
Selvapiana
Località Selvapiana
50068 Rufina (Firenze)
Italia

Selvapiana

Selvapiana è una tipica fattoria toscana composta dalla villa padronale, dalla cantina e da altri impianti - oramai in disuso - quali il frantoio, i granai e la falegnameria.
Nel Medioevo il centro aziendale era costituito da due torri, di dimensioni differenti, forse adibite ad avvistamento o forse parti di un piccolo castello; le due torri sono oggi racchiuse nelle strutture aggiunte in epoche successive (in particolare nel periodo rinascimentale).

Per molto tempo Selvapiana fu il luogo di villeggiatura dei vescovi fiorentini. Appartenne poi ad alcune famiglie di ricchi mercanti fiorentini, fra cui gli Scalandroni. Acquistata nel 1827 da Michele Giuntini Selvapiana si estende oggi per 240 ettari di cui 45 di vigneto e 31 di oliveto. Cinque sono le generazioni dei Giuntini che qui si sono succedute.

Particolarmente meritoria è stata l'opera di Francesco Giuntini Antinori, attuale titolare, che con grande forza e intelligenza si adoperato per restituire al Chianti Rufina il prestigio che la zona ha goduto fino dal 1716, anno del famoso Bando di Cosimo III de' Medici, in cui la denominazione Pomino veniva annoverata fra le più importanti della Toscana.

CONDIVIDI:
Selvapiana